Incidenti sul lavoro: inaccettabile piangere un’altra vittima 

E’ successo ancora, un altro omicidio bianco. Un ragazzo di 22 anni originario dello Sri Lanka è morto a Lesignano de’ Bagni, in provincia di Parma. Lavorava in un salumificio, è rimasto schiacciato da un macchinario che stava cercando di riavviare. Sulla tragedia è già stata aperta un’inchiesta dalla locale procura della Repubblica. “Inaccettabile che si debba assistere a un continuo stillicidio di morti e incidenti gravi sul lavoro – dichiarano Tina Balì e Andrea Gambillara della Flai Cgil – E’ da tempo che chiediamo un’adeguata formazione dei lavoratori e meccanismi di prevenzione da parte delle aziende per far sì che non si debba piangere operai come questo ragazzo di poco più di vent’anni. La rincorsa al massimo profitto, con l’abbattimento dei costi per la sicurezza non si può tollerare”. L’azienda nella quale lavorava il giovane operaio, la Real Italy Food Spa, che fa parte del gruppo Simonini di Modena, è definita sul portale societario ‘gioiello di tecnologia e innovazione industriale’ e ‘fiore all’occhiello della potenza produttiva del gruppo’. 

Articoli correlati

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...

Giornata del tesseramento, tutti i premiati dalla Flai nazionale

Si è svolta nell’ambito dell’Assemblea generale della Flai Cgil la Giornata del tesseramento, che ha visto la premiazione delle strutture regionali e territoriali che...

Caporalato nelle Langhe, Flai Cgil: “Non si tratta di episodi isolati, agire in fretta, a partire dalla piena applicazione della 199”

“L’operazione della Questura di Cuneo, che ha portato arresti e misure cautelari,   conferma una realtà denunciata e segnalata da anni dalla Flai Cgil...