Il tavolo di confronto in sede ministeriale rimarrà aperto su richiesta delle organizzazioni sindacali, richiesta condivisa dalle istituzioni fino alla risoluzione definitiva della vertenza. Questa sera il CdA e il Ministero faranno un ultimo tentativo di pressione sui soci al fine di avere una risposta definitiva sulla possibilità o meno di cedere le quote. Il tavolo di confronto rimarrà pertanto aperto in attesa dell’esito di questa verifica e si aggiorna a domani (22 dicembre) pomeriggio alle ore 15.30. Domani il CdA comunicherà l’esito dell’ultimo tentativo con i soci e, in caso di risposta negativa, esporrà quali sono le strade percorribili e in che modo procedere al fine di chiudere la vertenza nelle prossime ore, non escludendo soluzioni straordinarie a garanzia dell’occupazione e delle attività produttive. Noi non molliamo! 
Fai Flai e Uila