HomeComunicatiGruppo Lactalis. Comunicato stampa congiunto EFFAT-FAI-FLAI-UILA

Gruppo Lactalis. Comunicato stampa congiunto EFFAT-FAI-FLAI-UILA

 

I diritti di informazione e consultazione non sono un optional!

L’EFFAT e 9 sue organizzazioni affiliate portano Lactalis in tribunale il 26 marzo 2018

Bruxelles, 8 febbraio 2018 | Nel corso degli ultimi anni, e in diverse occasioni, l’EFFAT ha sostenuto i suoi affiliati nella richiesta di istituire un Comitato aziendale europeo nel Gruppo Lactalis, richiesta che il leader mondiale del settore lattiero-caseario ha sempre respinto.

Alla luce della negligenza di Lactalis, l’EFFAT, Federazione sindacale europea degli addetti dell’Agricoltura, dell’Alimentazione e del Turismo, ha deciso – insieme a 9 dei suoi sindacati affiliati di Francia, Spagna, Italia e Belgio – di adire le vie legali contro il gigante francese del settore lattiero-caseario.

“Siamo convinti che il riconoscimento della propria controparte sia essenziale per garantire relazioni industriali costruttive a tutti i livelli. I diritti di informazione e consultazione sono elementi chiave dell’acquis sociale dell’Unione europea e non possono essere ignorati dalle multinazionali. Chiediamo che Lactalis rispetti i suoi obblighi e che sia trasparente con il suo personale. Ed è per questo che abbiamo deciso di portare il Gruppo in tribunale.”

Nelle aziende multinazionali, le decisioni che hanno un impatto sul personale locale sono prese, sempre più spesso, a livello europeo, se non mondiale. È dunque indispensabile che i rappresentanti dei lavoratori siano adeguatamente coinvolti nel processo decisionale dell’azienda e abbiano accesso diretto alla Direzione centrale.

Perché solo così si crea una situazione in cui tutti i soggetti interessati sono avvantaggiati. Ed è per questo che la legislazione europea e nazionale prevede l’istituzione di Comitati aziendali europei, che oggi costituiscono strutture essenziali per la rappresentanza dei lavoratori.

Non c’è motivo per cui Lactalis non dovrebbe attenersi alle regole. Se ci fosse stato un CAE, l’EFFAT e suoi affiliati avrebbero potuto anticipare importanti cambiamenti che hanno avuto un impatto sugli stabilimenti del Gruppo in Europa. Questa violazione della normativa vigente non può più essere tollerata.

La prima udienza della procedura legale avviata dall’EFFAT e dai suoi sindacati affiliati contro Lactalis avrà luogo a Laval, in Bretagna, il prossimo 26 marzo 2018.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...