HomeComunicatiGrandi Molini Italiani. Flai Cgil, una situazione inaccettabile

Grandi Molini Italiani. Flai Cgil, una situazione inaccettabile

“GMI vuole fare cassa liberandosi dello stabilimento di Livorno, licenziando 30 lavoratori”

“Dopo l’incontro in Provincia di Livorno, tenutosi ieri, la società Grandi Molini Italiani ha ribadito la volontà di licenziare 30 lavoratori su un organico di 45 unità dello stabilimento di Livorno. Tutto ciò nonostante sia stato garantito l’utilizzo degli ammortizzatori sociali da parte della Regione Toscana per un periodo minimo di 12 mesi, a cui si può aggiungere un ulteriore periodo di CIGS per un totale di 21 mesi. Tempo, questo, necessario all’Autorità Portuale di Livorno per il rifacimento della banchina per l’attracco di navi di media stazza, necessarie per approvvigionare i silos dello stabilimento”. Lo dichiara in una nota la Flai Cgil nazionale, che esprime profonda preoccupazione per l’atteggiamento della società.
“A nulla, infatti, sono valse le rassicurazioni delle Organizzazioni Sindacali, dell’Autorità Portuale, della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Livorno sulla realizzazione dei lavori in tempi utili. È chiaro, ora, l’intento della Grandi Molini Italiani di liberarsi dello stabilimento di Livorno per fare cassa. Ricordiamo soltanto che la società ha accumulato debiti per 190 milioni di euro ed è tutt’ora in attesa di omologazione del concordato preventivo. Crediamo che dietro questa manovra ci siano in gioco interessi più grandi, tra cui i rapporti con le banche creditrici”.
“La Flai Cgil Nazionale e territoriale – conclude la nota – non intendono farsi ricattare da nessuno, e proseguiranno le azioni di protesta per garantire la prosecuzione dell’attività lavorativa e garantire il futuro alle trenta famiglie dei lavoratori licenziati. Il 6 aprile si svolgerà presso la Provincia di Livorno un ulteriore incontro al quale abbiamo richiesto la partecipazione del Presidente di GMI Antonio Costato che finora ha disertato tutte le riunioni sia in sede sindacale che istituzionale”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...