HomeComunicatiGranarolo. I dubbi della Flai Cgil su "la finanza del prosciutto"

Granarolo. I dubbi della Flai Cgil su “la finanza del prosciutto”

“L’iniziativa della Granarolo di vendere i prosciutti Gennari alla Cariparma per avere liquidità per nuove acquisizioni, che fa seguito all’annuncio di qualche giorno fa riguardante l’emissione di BOT nei paesi del Nord Europa, come FLAI CGIL non ci convince”. Lo dichiara Mauro Macchiesi, Segretario nazionale Flai Cgil.

“Il problema della cartolarizzazione dei prosciutti non è una novità, negli anni ’70 ogni abitante della zona che aveva delle disponibilità economiche compravano i prosciutti freschi, li mettevano “a balia” e poi li rivendevano stagionati allo stabilimento, e così si rifinanziavano per l’acquisto di altri prosciutti freschi, così facendo i prezzi salivano e tutti ci guadagnavano. Oggi nel Food si quotano in borsa le future produzioni di qualità. Questa operazione come nel primo caso non fa sistema virtuoso ed è lontana parente del secondo”.
“Se da una parte, come Organizzazioni Sindacali abbiamo condiviso il Piano Industriale quinquennale che prevedeva la diversificazione produttiva ed il raddoppio del fatturato, come Flai Cgil abbiamo invece espresso più di una perplessità sul progetto di Granarolo come un’azienda “margherita” che, tramite un paniere di più prodotti del Food Italiano, si presenta sul mercato italiano ed internazionale. Infatti, così facendo, invece di integrare i nuovi brand con le produzioni tradizionali del latte e i suoi derivati si rischia di emarginare l’assetto industriale dell’attuale business. Una grande azienda di marca – conclude Macchiesi – che si candida a voler diventare un’azienda multinazionale, deve avere un suo asset industriale forte e naturalmente disponibilità finanziarie importanti per investimenti sugli stabilimenti e sugli Staff esistenti, il tutto con il supporto della ricerca e innovazione per provare ad entrare nei mercati esteri e continuare a competere su quello italiano”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...