HomeComunicatiGranarolo. I dubbi della Flai Cgil su "la finanza del prosciutto"

Granarolo. I dubbi della Flai Cgil su “la finanza del prosciutto”

“L’iniziativa della Granarolo di vendere i prosciutti Gennari alla Cariparma per avere liquidità per nuove acquisizioni, che fa seguito all’annuncio di qualche giorno fa riguardante l’emissione di BOT nei paesi del Nord Europa, come FLAI CGIL non ci convince”. Lo dichiara Mauro Macchiesi, Segretario nazionale Flai Cgil.

“Il problema della cartolarizzazione dei prosciutti non è una novità, negli anni ’70 ogni abitante della zona che aveva delle disponibilità economiche compravano i prosciutti freschi, li mettevano “a balia” e poi li rivendevano stagionati allo stabilimento, e così si rifinanziavano per l’acquisto di altri prosciutti freschi, così facendo i prezzi salivano e tutti ci guadagnavano. Oggi nel Food si quotano in borsa le future produzioni di qualità. Questa operazione come nel primo caso non fa sistema virtuoso ed è lontana parente del secondo”.
“Se da una parte, come Organizzazioni Sindacali abbiamo condiviso il Piano Industriale quinquennale che prevedeva la diversificazione produttiva ed il raddoppio del fatturato, come Flai Cgil abbiamo invece espresso più di una perplessità sul progetto di Granarolo come un’azienda “margherita” che, tramite un paniere di più prodotti del Food Italiano, si presenta sul mercato italiano ed internazionale. Infatti, così facendo, invece di integrare i nuovi brand con le produzioni tradizionali del latte e i suoi derivati si rischia di emarginare l’assetto industriale dell’attuale business. Una grande azienda di marca – conclude Macchiesi – che si candida a voler diventare un’azienda multinazionale, deve avere un suo asset industriale forte e naturalmente disponibilità finanziarie importanti per investimenti sugli stabilimenti e sugli Staff esistenti, il tutto con il supporto della ricerca e innovazione per provare ad entrare nei mercati esteri e continuare a competere su quello italiano”.

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...