Genere e sfruttamento lavorativo in agricoltura

L’Organizzazione Internazionale del Lavoro ha promosso il seminario “Genere e sfruttamento lavorativo in agricoltura”, nel quale è stato presentato il Rapporto curato dalla Professoressa Maria Grazia Giammarinaro, consulente Oil, già Magistrata e Relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla tratta di persone a scopo di sfruttamento.
Il rapporto fa emergere le peculiarità della condizione delle lavoratrici in agricoltura, il 32% secondo i dati INPS, che evidenziano la necessità di integrare una prospettiva di genere negli strumenti di prevenzione e contrasto dello sfruttamento.
Per la Flai Cgil ha partecipato la Segretaria nazionale Tina Balì, intervenendo sul tema: “Promuovere il lavoro dignitoso delle lavoratrici in agricoltura: priorità per le politiche e le relazioni industriali”.
“È importante – ha dichiarato Tina Balì – il rapporto presentato oggi perché c’è necessità di declinare in un’ottica di genere tutte le tematiche che affrontiamo, oggi lo si fa con il piano triennale per il contrasto al caporalato. Lo sfruttamento spesso per le lavoratrici donne è triplo: lavorativo, sessuale, salariale. A tutto ciò, per le lavoratrici straniere si aggiunge il doppio isolamento, isolate nel lavoro e nel luogo dove lavorano ma isolate dalle famiglie che spesso sono nel paese d’origine, questo le rende ancor più vulnerabili. Allora possiamo usare gli strumenti che abbiamo declinandoli in una ottica di genere, dal Piano Triennale ai contratti, alla condizionalita’ sociale nella Pac. È necessario agire su prevenzione e reinserimento socio lavorativo, sugli alloggi, sui trasporti, sui centri per l’impiego anche usando le possibilità in arrivo con le politiche e le risorse del PNRR, sul quale però serve una verifica attenta di come vengono usate le risorse e le ricadute reali degli interventi”.
 

Articoli correlati

Flai Cgil: “Con le armi non si va da nessuna parte”

“Siamo sicuri che la Nato possa parlare di pace?”, si chiede Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali della Flai Cgil all’indomani delle dichiarazioni del segretario...

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...