“La natura privatistica del CCNL dei lavoratori forestali non può essere messa in discussione. Sono ormai decenni che i forestali hanno un contratto di tale natura e non si capisce perché ci possano essere dubbi in proposito; tanto è evidente questo che le Regioni negli anni passati hanno rinnovato contratti territoriali mantenendo la natura privatistica degli stessi”. Lo dichiara Davide Fiatti, Segretario nazionale Flai Cgil.

“Inoltre, – prosegue Fiatti – non rappresentiamo affatto una anomalia poiché in molti settori della pubblica amministrazione ci sono lavoratori cui si applicano contratti nazionali di diritto privato. È inaccettabile che nelle stanze del Dipartimento della Funzione Pubblica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri si possa decidere il cambiamento della natura del contratto da diritto privato a diritto pubblico, con un conseguente grave danno per i lavoratori interessati. Ci opporremo con tutti gli strumenti possibili per contrastare tale ipotesi”.

“Ribadiamo con forza – conclude Fiatti – che il CCNL dei forestali è di natura privatistica. Con Fai Cisl e Uila Uil continuiamo il confronto per il rinnovo dello stesso, scaduto ormai da 8 anni. Infatti, il 23 novembre ci sarà una ulteriore riunione con le parti datoriali, sia private che pubbliche, per proseguire la trattativa sul rinnovo”.