Flai Cgil e Cgil Emilia Romagna, conclusi importanti accordi a sostegno della parità di diritti per chi lavora nella stessa impresa 

Negli ultimi mesi le strutture territoriali della Flai Cgil dell’Emilia Romagna hanno concluso una serie di accordi in diverse realtà industriali della regione, avendo come riferimento il tema della ricomposizione sociale del lavoro – soprattutto sul versante degli appalti – e della riunificazione dei cicli produttivi. 

“L’obiettivo perseguito e realizzato in questi accordi, che rilanciano e consolidano una strategia di più ampio respiro, che ha una sua continuità nel tempo, è quello di garantire che ad uguali prestazioni di lavoro corrispondano uguali diritti ed uguali retribuzioni – sottolinea Valerio Bondi segretario generale Flai-Cgil Emilia Romagna –  Partendo dall’idea che vada applicato il medesimo contratto collettivo nazionale sia ai lavoratori dipendenti del committente sia ai lavoratori operanti nell’appalto”. 

Gli accordi hanno interessato complessivamente circa 600 lavoratori e lavoratrici e hanno riguardato: 

Caseifici Granterre (ex Parmareggio) Reggio Emilia, Fontana Spa reparto affettamento e Tino Prosciutti spa reparto disosso Parma, accordi con i quali le lavorazioni sono state internalizzate e i lavoratori dell’appalto sono stati assunti direttamente dal committente. 

Pizza +1 Piacenza, con applicazione integrale a far data dal 01.01.2023 del contratto Industria Alimentare anche per tutti i lavoratori operanti nell’appalto (precedentemente inquadrati in minima parte nel ccnl Merci e Logistica ed in gran parte nel contratto Multiservizi). 

Valpizza Bologna, a far data dal 01.01.2025 applicazione integrale del contratto Industria Alimentare (precedente inquadramento contratto Merci e Logistica) con progressivo riallineamento delle retribuzioni, che a luglio 2024 determineranno un aumento di 100 euro mensili per 14 mensilità, prima del definitivo passaggio al contratto degli alimentaristi. 

Inalca (gruppo Cremonini) Reggio Emilia, dal 01.02.2023 l’applicazione integrale a tutto il personale operante sull’appalto del contratto dell’Industria Alimentare (in sostituzione del Merci Logistica precedentemente applicato). 

Caseifici Granterre (ex Parmareggio) Modena, applicazione integrale del contratto Industria Alimentare a far data dal 01.01.2025 (in sostituzione del Merci Logistica) con riallineamento del differenziale retributivo tra i due contratti al 1° gennaio 2023 (33%) e 1° gennaio 2024 (66%) e con riconoscimento di un buono pasto di 4 euro giornalieri a regime per i lavoratori operanti sull’appalto. 

“Il problema centrale del sistema degli appalti, oltre al tema della genuinità degli stessi, è che dopo la riforma del 2003 – la cosiddetta Legge Biagi – questi sono diventati uno strumento di compressione dei costi del lavoro e di sostanziale aggiramento della corretta applicazione contrattuale – aggiunge Paride Amanti della Segreteria Cgil Emilia Romagna – Per questo ribadiamo – concludono i due sindacalisti – che il contratto collettivo funziona nella sua unicità e si rafforza se si impedisce alle imprese di ricorrere agli appalti solo per comprimere salari e diritti dei lavoratori rendendoli più deboli e ricattabili. 

Per questo motivo gli accordi realizzati sono un passo significativo nella giusta direzione e nella riconquista di una prospettiva di azione adeguata, anche al fine di sostenere processi di reinternalizzazione, obbligatorietà della clausola sociale a tutela dell’occupazione e una nuova legislazione a tutela del lavoro”. 

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...