Fiorucci annuncia piano di riorganizzazione con oltre 200 esuberi, proclamato lo stato di agitazione sindacale

Si è svolto oggi, 23 novembre, un incontro tra la Fiorucci, le Segreterie nazionali e territoriali di Fai, Flai, Uila e le RSU degli stabilimenti di Pomezia e Parma nel quale l’azienda ha esposto un piano di ristrutturazione che prevede oltre 200 esuberi.

Nel corso della riunione l’azienda ha rappresentato in modo incompleto le azioni che intende mettere in atto per rilanciare le produzioni e per incrementare le quote di mercato Fiorucci in Italia e all’estero con l’obiettivo di invertire una tendenza negativa che si protrae da oltre un decennio.

Fai, Flai e Uila hanno chiesto di ricevere informazioni di dettaglio su tale piano e hanno espresso la più assoluta contrarietà alla riorganizzazione proposta.

L’azienda, nel comunicare che lunedì avvierà formalmente la procedura di licenziamento collettivo, ha dichiarato che le informazioni richieste verranno fornite nell’ambito del confronto che dovrà essere avviato.

Le segreterie nazionali e territoriali di Fai, Flai e Uila e le RSU sono quindi a dichiarare l’immediata apertura dello stato di agitazione sindacale e convocheranno per lunedì 27 novembre le assemblee con le lavoratrici e i lavoratori per decidere le azioni di lotta da mettere in campo.

Articoli correlati

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, aperte trattative per il rinnovo Ccnl Confapi-Unionalimentari 

Si sono aperte oggi, presso la sede di Confapi, a Roma, le trattative tra Fai, Flai, Uila e Unionalimentari-Confapi per il rinnovo del contratto...

Lavoro, siglato accordo di rinnovo Ccnl artigianato area alimentazione e panificazione

E’ stato sottoscritto oggi a Roma, nella sede di Confartigianato, da Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil, Confartigianato, CNA, Casartigiani e Claai, l’accordo di rinnovo del Ccnl artigianato area...

Flai Cgil: “Il Commissario per superare i ghetti c’è, adesso si usino i fondi del Pnrr per cancellare questa vergogna”

Jean René Bilongo, presidente Osservatorio Placido Rizzotto: “Al Prefetto Falco chiediamo un incontro urgente, nell’interesse delle decine di migliaia di donne e uomini costretti...