Fai, Flai, Uila sui 30 esuberi annunciati da Parmalat corporate

Urgente piano sociale a sostegno dell’occupazione

 

Si è tenuto oggi presso l’unione industriale di Parma l’incontro del comitato consultivo del Gruppo Parmalat, convocato per valutare le problematiche derivanti dal nuovo assetto adottato dal gruppo Lactalis ad inizio 2019. Il Gruppo ha confermato l’avviata riorganizzazione che vede lo stesso strutturarsi per aree geografiche~di mercato, con l’Italia divenuta divisione autonoma, rappresentando il secondo mercato per fatturato a livello mondiale. Il gruppo manterrà distinti gli attuali assetti societari, le tre unità di business (Parmalat, Galbani caseario e Galbani Salumi), le singole reti commerciali e le tre attività di ricerca e sviluppo.~
Sono confermati i livelli di investimenti previsti, sia produttivi che commerciali. In questo quadro è stata comunicata l’esigenza di intervenire a livello di Parmalat Corporate, individuando nelle attività internazionali e di finanza della stessa, anche a seguito dell’uscita dalla Borsa, la presenza di 30 esuberi occupazionali, di cui 4 dirigenti. Tale situazione ha portato la società a prevedere l’apertura di una procedura di licenziamenti collettivi.
Fai, Flai e Uila hanno chiesto che l’azienda e il Gruppo proseguano le iniziative di investimento e di rilancio, rendendo stabili gli attuali assetti e hanno inoltre manifestato l’esigenza di avere informazioni più dettagliate in merito all’acquisizione di Lactalis della Nuova Castelli.
In merito alla riorganizzazione occupazionale annunciata, Fai Flai e Uila hanno manifestato grossa preoccupazione circa la stessa e hanno conseguentemente chiesto che il Gruppo predisponga un adeguato e impegnativo piano sociale, che vogliamo discutere e negoziare fin dal prossimo incontro. È infatti fondamentale per il sindacato che Lactalis e Parmalat si impegnino a dare risposte adeguate e soluzioni che sostengano le persone in esubero e che minimizzino l’impatto occupazionale.
Il sindacato di categoria è impegnato da subito affinché~l’azienda non adotti soluzioni unilaterali. Al fine di concretizzare questo percorso, verrà a breve fissato un incontro sindacale immediatamente dopo l’avvio della procedura, mentre apposite assemblee di coinvolgimento dei lavoratori, in particolare delle aree interessate, sono già previste per il 24 giugno.