HomeComunicatiFai, Flai e Uila chiedono tavolo crisi al Mise per Bu Castelli,...

Fai, Flai e Uila chiedono tavolo crisi al Mise per Bu Castelli, Gruppo Lactalis

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil chiedono una convocazione urgente al Mise per l’apertura di un tavolo di crisi per Bu Castelli, specialità Dop, di proprietà Lactalis.

Durante la prima riunione di Coordinamento nazionale Bu Castelli – informano i sindacati – il  management Lactalis, dopo un’analisi sommaria del business relativo al gruppo Castelli, concentrando l’informativa esclusivamente sulla società Alival, ha annunciato la chiusura di 2 stabilimenti da realizzarsi entro il primo trimestre 2023: lo stabilimento di Reggio Calabria e di Ponte Buggianese in provincia di Pistoia ed alcuni esuberi nello stabilimento di Santa Rita in provincia di Grosseto.

“Le segreterie nazionali – affermano Fai, Flai e Uila – hanno contrastato prontamente la decisione assunta da Lactalis, che arriva a distanza di oltre due anni dall’acquisizione della ex Nuova Castelli, invitando l’azienda a presentarci un piano industriale di rilancio dell’intero gruppo e a ritornare sui propri passi in nome di quella responsabilità sociale che ha contraddistinto la multinazionale francese nel nostro Paese. Un colosso del lattiero caseario come Lactalis non può pensare di mandare a casa oltre 150 persone senza che ci sia stato un confronto di merito finalizzato ad individuare ogni soluzione alternativa alla chiusura di due siti produttivi, che rappresentano un presidio economico e sociale fondamentale per i  territori coinvolti”.

“Coinvolgeremo a tutti i livelli le istituzioni perché sia evitata una bomba sociale che ha ricadute dirette sull’intera filiera di una parte importante del nostro Made in Italy”, concludono Fai, Flai e Uila.

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...