HomeComunicatiDecreto Ristori. Flai Cgil, riconoscere ai lavoratori agricoli indennita’, cassa integrazione, tutele...

Decreto Ristori. Flai Cgil, riconoscere ai lavoratori agricoli indennita’, cassa integrazione, tutele per periodi quarantena

“In merito al DECRETO LEGGE 28 ottobre 2020, n. 137, il D. L. Ristori, rileviamo importanti criticità per il settore dell’agroindustria, che di fatto escludono inspiegabilmente lavoratori e lavoratrici del settore da alcune necessarie misure previste”. Lo dichiarano in una nota Tina Balì e Davide Fiatti, Segretari nazionali Flai Cgil.

“In particolare, l’articolo del Decreto Ristori (art. 15) che prevede il riconoscimento di una indennità pari a 1000 euro ai lavoratori dipendenti appartenenti a determinate categorie, inspiegabilmente non ricomprende i lavoratori del settore agricolo OTD (Operai a Tempo Determinato) che, seppur colpiti dagli effetti della pandemia, si sono visti riconoscere soltanto una indennità di 600 euro per il mese di marzo e di 500 euro per il mese di aprile.

Anche la cassa integrazione per i lavoratori agricoli, la CISOA, non viene prorogata fino al 31 gennaio 2021, laddove (art. 12) per altri lavoratori è previsto”.

“Penalizzati – proseguono Fiatti e Balì – anche i lavoratori agricoli OTD che si trovano in quarantena; questi lunghi periodi di malattia vanno ad influire in maniera penalizzante sul calcolo della disoccupazione agricola; per ovviare a questa penalizzazione proponiamo di intervenire affinché le giornate di sospensione per le quali viene percepita l’integrazione in deroga, siano equiparate al lavoro ai fini del calcolo della disoccupazione agricola”.

“Chiediamo al Governo – concludono i due Segretari – di intervenire tempestivamente per allargare la platea dei beneficiari delle misure previste dal Decreto Ristori, sanando un vero e proprio vulnus nei confronti dei lavoratori del settore agricolo, che, nell’emergenza che stiamo vivendo, hanno diritto a tutte le tutele previste per altri settori. Come Flai Cgil non smetteremo di chiedere e pretendere che siano riconosciute le indennità e le misure previste dal Decreto Ristori a tutti i lavoratori agricoli.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...