Decreto Emergenze. Fai, Flai, Uila: intervenire con urgenza per lavoratori pesca


E’ indispensabile che Governo e Parlamento intervengano con urgenza a sostegno del lavoro dei pescatori. Occorrono misure che rendano strutturali gli ammortizzatori sociali nel settore estendendo alla pesca lo strumento della CISOA Agricola, cosa non più rinviabile anche alla luce degli eventi di calamità che hanno colpito negli utimi mesi l’intero comparto. Altresì è urgente una rivisitazione dell’attuale regime sanzionatorio che sta gravando pesantemente sul comparto. Occorre passare dalle parole ai fatti e riteniamo che l’iter di conversione del decreto emergenze sia proprio un’occasione per farlo. Lavoratori ed imprese sono ormai giunti al collasso della sostenibilità. E’ incomprensibile che i temi della sostenibilità sociale ed economica di un settore prezioso per il nostro Paese non siano mai prioritari nell’agenda politica. Non è più possibile aspettare. I lavoratori del comparto chiedono risposte concrete e coerenza con la disponibilità e la volontà dimostrata dalle forze di maggioranza e dal Governo negli ultimi 6 mesi.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...