Da mesi senza salario i lavoratori salgono sul tetto del Consorzio di Trebisacce

La Flai Cgil al fianco dei lavoratori dei Consorzi di bonifica, il settore è al collasso e servono risposte concrete

I lavoratori del Consorzio di bonifica di Trebisacce, in provincia di Cosenza, sono saliti per protesta sul tetto della sede della struttura consortile. Già mercoledì scorso al termine di un’assemblea avevano proclamato lo stato di agitazione.

Sono senza salario da quattro mensilità e per alcuni di loro è scattata la cassa integrazione. La Flai Cgil è al loro fianco, con i lavoratori, sul tetto, c’è Federica Pietramala, Segretaria Generale FLAI CGIL Pollino Sibaritide Tirreno.

“La protesta continuerà ad oltranza – spiega la Flai Cgil – fino a quando non verrà garantito ai lavoratori il diritto sacrosanto al salario. L’amministrazione dell’Ente deve mettere in campo adeguate azioni per garantire la dignità ai propri dipendenti, se non ci riesce si dimetta”.

Ma quello di Trebisacce è solo uno dei tanti casi in Calabria, dove la situazione nei Consorzi di bonifica è al collasso. Moltissimi lavoratori sono senza stipendio da un anno.

La battaglia andrà avanti fino a quando non si otterranno risposte concrete. Ai lavoratori e alle lavoratrici va il sostegno di tutta la Flai Cgil.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...