HomeComunicatiContratti. Rinnovato accordo integrativo Campari

Contratti. Rinnovato accordo integrativo Campari

Macchiesi, l’accordo sancisce nuove condizioni e incrementa le relazioni sindacali con una delle aziende più importanti del food italiano

È stato rinnovato l’accordo integrativo Campari che interessa circa 700 addetti negli stabilimenti e della Sede Italiani; il gruppo è presente in 20 Paesi nel mondo con circa 4000 dipendenti.

“L’accordo – dichiara Mauro Macchiesi, Segretario nazionale Flai Cgil – sancisce nuove condizioni e incrementa le relazioni sindacali con una delle aziende più importanti del food italiano. Continuando a misurarsi con problemi sulla sicurezza sul lavoro, la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e il rafforzamento dell’inclusione di tutti i lavoratori, a vario titolo impegnati in Campari, in un unico sistema di relazioni sindacali”.

Infatti, “con l’accordo appena sottoscritto viene dato nuovo impulso alle relazioni sindacali e alla partecipazione con 4 commissioni: formazione professionale, sicurezza, welfare, benessere organizzativo e certificazioni sociali. Tali commissioni saranno coordinate congiuntamente dall’azienda e da un rappresentante delle Organizzazioni Sindacali”.

“L’azienda – prosegue Macchiesi, spiegando i contenuti dell’accordo – si impegna a privilegiare l’occupazione diretta rispetto ad altre forme precarie. Viene dato l’avvio allo smart-working e, per quanto riguarda gli appalti, l’azienda si impegna ad appaltare alle aziende che applicano i contratti di lavoro sottoscritti dalle Organizzazioni Sindacali più rappresentative, conferendo ruolo alle RSU ad intervenire per controllare la regolarità e il rispetto dei contratti e interloquire con l’azienda per gli interventi adeguati. Inoltre, sulla sicurezza, sono previsti interventi periodici tra RLS e RSPP di tutte le aziende presenti negli Stabilimenti. Per il welfare la scelta delle Parti è diretta verso il welfare sanitario integrativo, previdenziale e di assistenza genitoriale. I lavoratori avranno diritto a un conto spesa welfare che va da 50 euro al primo anno fino a 80 euro nell’ultimo anno. Eventualmente il dipendente può scegliere di versare al fondo di previdenza complementare, in tal caso l’azienda contribuisce con il 50 % del valore versato. L’intesa prevede che se l’azienda dovesse avviare l’azionariato diffuso i dipendenti avrebbero il diritto di accesso alle azioni con condizioni di favore. Il premio di partecipazione ai risultati viene aumentato del 13.7 % a regime per un premio complessivo che salirà fino a 2.530 euro. L’aumento del premio di partecipazione ai risultati e del conto welfare per i 4 anni di vigenza dell’integrativo sarà del 16,8 %”.

 

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...