HomeComunicatiContratti. Rinnovato accordo integrativo Campari

Contratti. Rinnovato accordo integrativo Campari

Macchiesi, l’accordo sancisce nuove condizioni e incrementa le relazioni sindacali con una delle aziende più importanti del food italiano

È stato rinnovato l’accordo integrativo Campari che interessa circa 700 addetti negli stabilimenti e della Sede Italiani; il gruppo è presente in 20 Paesi nel mondo con circa 4000 dipendenti.

“L’accordo – dichiara Mauro Macchiesi, Segretario nazionale Flai Cgil – sancisce nuove condizioni e incrementa le relazioni sindacali con una delle aziende più importanti del food italiano. Continuando a misurarsi con problemi sulla sicurezza sul lavoro, la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e il rafforzamento dell’inclusione di tutti i lavoratori, a vario titolo impegnati in Campari, in un unico sistema di relazioni sindacali”.

Infatti, “con l’accordo appena sottoscritto viene dato nuovo impulso alle relazioni sindacali e alla partecipazione con 4 commissioni: formazione professionale, sicurezza, welfare, benessere organizzativo e certificazioni sociali. Tali commissioni saranno coordinate congiuntamente dall’azienda e da un rappresentante delle Organizzazioni Sindacali”.

“L’azienda – prosegue Macchiesi, spiegando i contenuti dell’accordo – si impegna a privilegiare l’occupazione diretta rispetto ad altre forme precarie. Viene dato l’avvio allo smart-working e, per quanto riguarda gli appalti, l’azienda si impegna ad appaltare alle aziende che applicano i contratti di lavoro sottoscritti dalle Organizzazioni Sindacali più rappresentative, conferendo ruolo alle RSU ad intervenire per controllare la regolarità e il rispetto dei contratti e interloquire con l’azienda per gli interventi adeguati. Inoltre, sulla sicurezza, sono previsti interventi periodici tra RLS e RSPP di tutte le aziende presenti negli Stabilimenti. Per il welfare la scelta delle Parti è diretta verso il welfare sanitario integrativo, previdenziale e di assistenza genitoriale. I lavoratori avranno diritto a un conto spesa welfare che va da 50 euro al primo anno fino a 80 euro nell’ultimo anno. Eventualmente il dipendente può scegliere di versare al fondo di previdenza complementare, in tal caso l’azienda contribuisce con il 50 % del valore versato. L’intesa prevede che se l’azienda dovesse avviare l’azionariato diffuso i dipendenti avrebbero il diritto di accesso alle azioni con condizioni di favore. Il premio di partecipazione ai risultati viene aumentato del 13.7 % a regime per un premio complessivo che salirà fino a 2.530 euro. L’aumento del premio di partecipazione ai risultati e del conto welfare per i 4 anni di vigenza dell’integrativo sarà del 16,8 %”.

 

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...