Contratti. Bermani, siglata ipotesi accordo integrativo Colussi

Siglata l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del Contratto Integrativo per il Gruppo Colussi, importante azienda che opera nel settore dei prodotti da forno e della pasta che coinvolge le realtà di Pedrignano, Fossano, Tavarnelle Val di Pesa e nelle sedi di Milano e Perugia per un insieme di 1000 lavoratrici/ori. L’Ipotesi d’Accordo passerà al vaglio delle assemblee per la sua approvazione in ogni realtà del Gruppo Colussi.

“L’accordo – dichiara Marco Bermani, Segretario nazionale Flai Cgil – si inserisce in un momento delicato del Gruppo perché lo stesso sta cercando di posizionarsi in un mercato altamente competitivo ed intende farlo anche attraverso trasformazioni organizzative collegate ad una crescita professionale dei lavoratori ed accompagnate ad investimenti importanti”.

“Nell’accordo – spiega Bermani – il ruolo delle Rsu e delle strutture territoriali è rafforzato, dando compiti di monitoraggio dell’eventuale accordo e creando la condizione affinché il coordinamento nazionale diventi centrale per la ricerca di soluzioni su temi come la Sicurezza nei luoghi di lavoro, Formazione ecc. stabiliti anche tramite commissioni tecniche.

L’inclusività ha guidato la trattativa e ha portato ad annullare le differenze tra lavoratori con diverse tipologie di orari. Ma è con il welfare aziendale che si è dato un segnale importante, vi è il contributo a carico dell’azienda di 100 Euro annui al Fondo di previdenza complementare Alifond per tutti i lavoratori iscritti al Fondo, per tutti coloro che si iscriveranno entro il 31/12/2018 e per i neo assunti. E’ prevista inoltre la convertibilità del 30% del premio legato agli obiettivi, nel Fondo Alifond attraverso la decisione del lavoratore. Si è voluto così dare un segnale sul futuro, perché il lavoratore oltre il diritto ad avere una pensione pubblica dignitosa deve continuare ad avere il diritto di alimentare il suo fondo pensione.

Nell’accordo – conclude Bermani – si è lavorato sul Premio, trovando armonizzazione del valore tra i tre siti con nessuna variazione riguardo ai parametri; e sul superamento della pregiudiziale sugli elementi economici del premio previsto nell’accordo integrativo 2014. In questo modo il valore a regime del premio raggiunge i 1.200 Euro annui per un montante complessivo del messo in palio di 4.050 Euro”.

Articoli correlati

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...

Giornata del tesseramento, tutti i premiati dalla Flai nazionale

Si è svolta nell’ambito dell’Assemblea generale della Flai Cgil la Giornata del tesseramento, che ha visto la premiazione delle strutture regionali e territoriali che...

Caporalato nelle Langhe, Flai Cgil: “Non si tratta di episodi isolati, agire in fretta, a partire dalla piena applicazione della 199”

“L’operazione della Questura di Cuneo, che ha portato arresti e misure cautelari,   conferma una realtà denunciata e segnalata da anni dalla Flai Cgil...