HomeComunicatiConsorzi di Bonifica, rinnovato Ccnl. Più salario, diritto di sciopero e tutele...

Consorzi di Bonifica, rinnovato Ccnl. Più salario, diritto di sciopero e tutele per avventizi

Fai Cisl, Flai Cgil, Filbi Uil e Snebi hanno firmato ieri sera il rinnovo del CCNL dei Consorzi di Bonifica e di miglioramento fondiario. Contestualmente è stato firmato l’accordo sul diritto di sciopero che, oltre a confermare il lavoro già svolto, modifica il testo permettendo ai lavoratori senza retribuzione da più di 4 mesi di far sentire con più forza la loro voce.

 

Esprimendo soddisfazione per il risultato raggiunto Fai, Flai e Filbi sottolineano la celerità con cui si è chiuso il confronto, grazie alle buone relazioni sindacali e allo sforzo congiunto dei lavoratori e della delegazione trattante.

 

Per quanto riguarda la parte economica, l’accordo prevede un aumento complessivo per il quadriennio del 5,6%, che corrisponde ad un incremento finale di 104 euro a parametro medio, e una divisione in tranche che garantirà ad ogni lavoratore dei Consorzi l’erogazione nella vigenza contrattuale di un importante montante. E’ stato inoltre riconosciuto il tema della reperibilità come elemento centrale nella valorizzazione dell’essenzialità del lavoro dei dipendenti dei Consorzi di Bonifica, da un lato attraverso l’obbligatorietà per i Consorzi di predisporre i calendari con le reperibilità e, dall’altro, attraverso una più giusta remunerazione con l’aumento da 15 a 20 euro per i giorni feriali e da 20 a 30 euro per i festivi.

Passi avanti sono stati fatti anche per i lavoratori avventizi, la componente più fragile del settore, ai quali sono state estese la banca ore e alcune tutele in precedenza previste per i soli lavoratori a tempo indeterminato. Inoltre, sono state poste in essere garanzie a tutela delle agibilità sindacali e della partecipazione dei lavoratori nel caso di fusione e/o accorpamento di enti a seguito di processi di riforma regionali; così come viene costituito un gruppo di lavoro per definire le novità sulla classificazione per il prossimo rinnovo.

Infine, è stato ratificato un importante accordo contro le molestie e la violenza di genere nei luoghi di lavoro.

 

“Questo contratto” dichiarano Fai, Flai e Filbi, “dimostra e conferma la centralità dei corpi intermedi e la vitalità della Bonifica come settore strategico per la tutela e la salvaguardia del territorio e di grande importanza per il nostro paese”.

 

 

Articoli correlati

Tina Balì, Flai Cgil: “Mancano i fondi per la difesa del suolo, la manovra non risponde alle esigenze del paese”

Il consumo del suolo continua ad aumentare, nel 2021 la media è stata di 19 ettari persi al giorno, il valore più alto degli ultimi 10 anni, secondo i dati dell'Ispra. Tina Balì, segretaria...

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...