HomeComunicatiCCNL Bonifiche: Dopo gli scioperi, auspichiamo ritorno al tavolo trattative

CCNL Bonifiche: Dopo gli scioperi, auspichiamo ritorno al tavolo trattative

Con lo sciopero di oggi di Lazio, Marche, Abruzzo, Molise, Umbria, Sardegna e Sicilia si chiude questa prima fase di agitazione dei lavoratori dei Consorzi di bonifica che ha coinvolto tutte le regioni italiane. Con l’ampia partecipazione dimostrata i dipendenti hanno confermato la ferma volontà di rinnovare il contratto nazionale che, tra le tante diversità che distinguono le varie esperienze regionali, costituisce un imprescindibile elemento unificante di raccordo e di tutela.

I primi a credere nel ruolo fondamentale che viene svolto dai Consorzi di Bonifica per lo sviluppo del sistema agricolo e la tutela del territorio sono proprio i lavoratori; quegli stessi lavoratori il cui impegno garantisce non solo l’irrigazione e la messa in sicurezza del suolo, ma anche la salvaguardia di migliaia di beni culturali e monumenti, preservando in tal modo l’identità storica e culturale del nostro paese.

E’ sulla scorta di tali considerazioni che Fai Cisl, Flai Cgil e Filbi Uil, chiedono il superamento delle proposte della controparte sui licenziamenti, demansionamento e riduzione delle agibilità sindacali per rinnovare assieme un contratto che sappia valorizzare i lavoratori, andando quindi oltre l’aumento salariale del 2,7% proposto; un contratto inclusivo capace di garantire efficaci tutele per i lavoratori stagionali e a tempo determinato e che valorizzi il confronto, delineando così un percorso di sviluppo per i consorzi e i dipendenti.

Il nostro auspicio è dunque quello di tornare al più presto al tavolo delle trattative, in caso contrario la mobilitazione sindacale proseguirà nell’interesse dei lavoratori e per garantire al paese un sistema consortile giusto ed efficiente.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...