HomeComunicatiCastelfrigo. Galli (Flai Cgil), da tavolo regionale risposte importanti. Sospeso sciopero della...

Castelfrigo. Galli (Flai Cgil), da tavolo regionale risposte importanti. Sospeso sciopero della fame prosegue il presidio

 

“Oggi i lavoratori delle cooperative in appalto a Castelfrigo, dopo 12 giorni, hanno sospeso lo sciopero della fame a seguito dell’incontro che si è tenuto in Regione tra Cgil, Cisl, Uil e Alleanza delle cooperative italiane. In un verbale di incontro sono state convenute misure volte alla ricollocazione dei lavoratori licenziati delle due cooperative spurie, l’impegno di tutti al rispetto delle regole previste dal TU regionale sulla legalita’, la costituzione di un tavolo di monitoraggio permanente per il sostegno alla proposta di legge di iniziativa popolare presentata in Senato sul contrasto alle false cooperative”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil.
“Oltre due mesi di sciopero e 12 giorni di sciopero della fame sono un prezzo altissimo che i lavoratori hanno voluto pagare per difendere la dignità del lavoro, legalità e la corretta applicazione del contratto anche per chi è rimasto dentro a lavorare. È una brutta storia quando ci sono i lavoratori divisi, è una guerra tra poveri, lavoratori in sciopero da oltre due mesi ed altri dentro a lavorare. Si tratta di lavoratori in maggioranza stranieri che si sono ribellati ad orari di lavoro impossibili, alla negazione continua dei diritti contrattuali, ad essere soci lavoratori inconsapevoli e con buste paga fantasiose. Quando si è detto no a tutto questo la risposta è stata la procedura di licenziamento.
Mentre la maggioranza dei lavoratori era in sciopero ed in presidio permanete sotto la tenda rossa della Flai Cgil, la Castelfrigo da mesi sorda ad ogni confronto ha siglato un accordo di ricollocazione per 52 lavoratori senza far partecipare la Flai Cgil, che è la più rappresentativa tra i lavoratori delle cooperative in appalto. Una scelta che di certo non favorisce le ragionevoli e opportune soluzioni ad una vertenza così complessa. Seppure la soluzione riguardasse 52 lavoratori, ne rimarrebbero fuori oltre 70 e possiamo immaginare chi saranno, ….quelli che non hanno scioperato. Fare un accordo separato in quel contesto e’ acuire un brutto clima tra i lavoratori e pugnalare alle spalle chi da mesi lotta per il rispetto e la dignità dei lavoratori”.
“Invece – conclude Ivana Galli – crediamo che le soluzioni prospettate al tavolo in Regione possano dare una risposta a tutti e all’intero comparto, stigmatizzando che il ‘modello Castelfrigo’ non è una risposta per competere, ricorrendo allo sfruttamento del lavoro e a nuove forme di caporalato. Questo lo dicono anche le positive scelte di alcune imprese del settore della trasformazione delle carni che hanno riportato all’interno lavorazioni che erano state esternalizzate. Un esempio quello di una azienda associata con Assica che ha rivisitato totalmente la sua strategia riportando in casa le sue lavorazioni o quello altre aziende, sempre della stessa associazione, che hanno spinto perché l’appaltatore applicasse il giusto contratto.
Da oggi prosegue il presidio e le iniziative di sostegno e mobilitazione finché non ci sarà una chiara condanna di quel sistema di cooperative spurie e sfruttamento e la ricollocazione dei lavoratori”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...