CASTELFRIGO. GALLI, ANCORA UNO SCHIAFFO AI LAVORATORI

“Il 29 dicembre è stato sottoscritto in Regione Emilia Romagna un importante protocollo tra Associazioni datoriali, Organizzazioni sindacali e la stessa Regione Emilia-Romagna, nel quale si davano risposte ai lavoratori in appalto alla Castelfrigo in sciopero da mesi, e poi licenziati, e risposte all’intero settore”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria Flai Cgil nazionale. “Ma in queste ore dalla Castefrigo ancora uno schiaffo in faccia ai lavoratori che hanno protestato per chiedere rispetto del contratto e dei diritti: infatti, calpestando quanto scritto nel protocollo in Regione, l’azienda ha assunto all’interno del ciclo produttivo 25 lavoratori che non fanno parte dei lavoratori licenziati dalle cooperative che operavano in appalto”.
“Ancora una decisione inaccettabile, che dimostra come non si voglia trovare una soluzione nemmeno quando questa è condivisa dalle istituzioni e dalla parte più sana del tessuto produttivo. La Flai Cgil non indietreggerà di un passo a difesa delle ragioni che hanno portato i lavoratori delle due cooperative in appalto a scioperare e manifestare, le ragioni di un lavoro dignitoso e regolare contro le pratiche di chi vuole guadagnare sulla pelle dei lavoratori e fare una concorrenza sleale alle aziende sane e che operano nella legalità e nel rispetto dei contratti”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...