HomeComunicatiCarapelli, accordo al Mise. Inveruno non chiuderà

Carapelli, accordo al Mise. Inveruno non chiuderà

Scongiurata l’ipotesi di chiusura dello stabilimento Carapelli di Inveruno.

Fai, Flai e Uila hanno sottoscritto ieri, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, l’accordo relativo alla procedura ex art. 47 L. 428/90, grazie al quale sarà garantita la continuità produttiva del sito, attraverso l’affitto per un periodo di 4 anni, con la possibilità di acquistare definitivamente il ramo d’azienda, alla società The Organic Refining S.r.l, (Tor), società costituita ad hoc dalla The Organic Factory (Tof), specializzata nella produzione di olio di semi biologico.

Tale accordo, che coinvolgerà inizialmente 36 lavoratori, rappresenta il punto di arrivo di un percorso che ha permesso l’utilizzazione della cassa in deroga scongiurando così, l’eventualità che un pezzo importante della produzione agroalimentare italiana andasse totalmente perduto. Va inoltre sottolineato che un ulteriore aspetto di grande rilievo dell’accordo concluso è rappresentato dalla possibilità per i lavoratori Carapelli, al momento esclusi dalla cessione del ramo di azienda, di essere assunti in futuro, in caso di espansione del perimetro occupazionale, dalla The Organic Refining.

A fronte della iniziale presa di posizione del Gruppo Deoleo Carapelli di voler chiudere definitivamente il sito produttivo dell’Alto Milanese, l’accordo raggiunto da Fai, Flai e Uila, rappresenta un importante risultato per la salvaguardia occupazionale e la tutela di un importante settore del Made in Italy.

Fai, Flai e Uila continueranno ad adoperarsi affinché con la nuova società, il sito di Inveruno cresca e si rafforzi.

 

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...