HomeComunicatiCAPORALATO E SFRUTTAMENTO DEL LAVORO. FILLEA E FLAI PRESENTANO DUE GUIDE SULLA...

CAPORALATO E SFRUTTAMENTO DEL LAVORO. FILLEA E FLAI PRESENTANO DUE GUIDE SULLA LEGGE 199

Sono oltre 700mila, concentrati soprattutto nei cantieri e nei campi, ma ormai diffusi anche in altri settori, come la logistica e il commercio, moltissimi di nazionalità straniera, senza diritti né tutele, sfruttati, ricattati, spesso vittime di abusi fisici e sessuali, costretti a lavorare in condizioni disumane, schiavi di caporali senza scrupoli al soldo di criminali e mafie. Nel 2016 una legge, la 199, ha completato il quadro normativo e gli strumenti concreti per garantire a questi lavoratori di uscire dall’inferno dello sfruttamento.

Una legge fortemente voluta dalla Cgil, ed in particolare dalle sue categorie dell’edilizia e dell’agricoltura, Fillea e Flai, che oggi a Roma, con il segretario nazionale Cgil Giuseppe Massafra e gli avvocati Valori e Merlo, hanno presentato una guida pratica da diffondere tra i dirigenti e gli iscritti, che per i segretari generali Alessandro Genovesi e Ivana Galli “sono le sentinelle del buon lavoro sul territorio, debbono quindi conoscere bene le norme perchè a loro è affidato il rapporto con le lavoratrici e lavoratori sfruttati, debbono saperli informare e debbono spiegare a ciascuno muratore o lavoratore agricolo sfruttato e ricattato che a quella condizione è possibile ribellarsi e che, insieme al sindacato, organizzandoci insieme, è possibile opporre un altro modo di lavorare.”

La guida, realizzata dai legali dei sindacati in due versioni – una rivolta a segretari e funzionari ed una ad iscritti e delegati – spiega passo passo il contenuto della nuova legge, che, spiegano i segretari di Flai e Fillea, “introduce strumenti molto più efficaci e forti rispetto al passato, indici normativi di sfruttamento più chiari ed estesi, il rinvio esplicito ai contratti collettivi di lavoro, l’estensione del reato all’imprenditore e non solo più all’intermediario, con la confisca obbligatoria e la possibilità di sequestro dei profitti generati sfruttando le condizioni di povertà e disagio di migliaia di lavoratori. Ed ancora, il controllo giudiziario, la responsabilità degli enti e disposizioni a tutela dei lavoratori che, unite al soggiorno per motivi umanitari, offrono un ampio quadro di garanzie alle vittime di sfruttamento”.

La legge, ricordano Ivana Galli e Alessandro Genovesi, “è una vittoria della Cgil e di tutto il sindacato, delle lavoratrici e lavoratori, che rende finalmente – nella pratica – perseguibile lo sfruttamento operato sia da nuovi e vecchi caporali – intermediari sempre più tecnologici che al reclutamento nelle piazze hanno aggiunto whatsapp ed i social media – sia e soprattutto dalle imprese che ne beneficiano.”
Ora, concludono i segretari, “e’ necessario difendere questa importante legge e farla applicare in tutte le sue parti, a cominciare da collocamento e trasporto”.

Giuseppe Massafra, segretario nazionale Cgil, ha sottolineato, nelle sue conclusioni, “l’importanza di una legge che ha, tra gli altri due fondamentali punti di forza: il primo è un grande valore dal punto di vista culturale, perché ha introdotto la consapevolezza diffusa che esiste un fenomeno come lo sfruttamento e il caporalato, considerandolo un fatto criminale; il secondo elemento è quello di offrire strumenti concreti ed efficaci per contrastare il fenomeno, introducendo anche innovazioni sul piano giuridico, a cominciare ad esempio dalla confisca dei beni. Da oggi anche attraverso strumenti come quelli che sono stati presentati, dobbiamo far vivere questa legge, utilizzarla, farla applicare”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...