HomeComunicatiCaporalato. Dichiarazione di Giovanni Mininni

Caporalato. Dichiarazione di Giovanni Mininni

“Se il Ministro Martina vuole veramente far funzionare la Rete del lavoro agricolo di qualità come uno strumento che possa anche contrastare lavoro nero, sfruttamento e caporalato, deve scegliere la via della decretazione d’urgenza per le questioni contenute nell’articolo 30 del Collegato agricolo”. Lo dichiara Giovanni Mininni, segretario nazionale della FLAI Cgil, che oggi ha effettuato una visita nei ghetti del foggiano insieme ad una delegazione parlamentare del Movimento 5 stelle. “La cabina di regia deve inoltre dotarsi di “strumenti” che possano verificare se le imprese che aderiscono alla Rete applichino o meno i Contratti di lavoro, nazionali e provinciali, perché ciò scongiurerebbe la possibilità di adesione alla Rete di imprese che pagano i lavoratori solo pochi euro al giorno. Non è più possibile attendere”.
“La Rete potrebbe essere uno strumento molto efficace, sempre che non si allentino i controlli sulle imprese iscritte, ma non ha gli strumenti necessari per agire e rischia di iscrivere imprese che non possono essere certificate con un marchio etico”.
“Ci erano stati assicurati tempi brevi – prosegue Mininni – ma sembra che il governo si stia perdendo in valutazioni di cui non se ne comprende la ratio politica e che rischiano solamente di allontanare il momento in cui si possa affermare che si comincia seriamente a combattere il caporalato in agricoltura”.
“Infine” – conclude Mininni – “ancora oggi, nella visita che insieme ad alcuni deputati del Movimento 5 Stelle è stata effettuata nei “ghetti” del foggiano emerge con forza la necessità di prevedere una modalità di protezione per i lavoratori che denunciano i caporali e imprenditori conniventi che non è prevista dagli emendamenti presentati al Codice Antimafia, anche se essi rappresentano una buona risposta penale e repressiva al caporalato”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...