Caporalato . Da FLAI CGIL soddisfazione per sentenza processo SABR

Soddisfazione da parte della Flai Cgil per la sentenza di primo grado del processo “Sabr”, che nasce dall’operazione anticaporalato che, dopo la denuncia da parte di lavoratori coraggiosi, portò all’arresto di 15 persone, accusate di estorsione, sfruttamento e di aver ridotto in schiavitù i migranti impegnati nella raccolta delle angurie nelle campagne pugliesi.

“Oggi le condanne da 3 ad 11 anni di reclusione per 12 di loro rendono giustizia e verità a quei lavoratori sfruttati nelle campagne pugliesi. Una sentenza importantissima ma è anche un monito a quanti pensano di poter impunemente considerare i lavoratori braccia da sfruttare al minor prezzo possibile”. Lo dichiara la Flai Cgil nazionale in una nota.

“Questa sentenza deve dare coraggio ai tanti lavoratori vittime di sfruttamento e caporalato a denunciare, questa sentenza dice a quei lavoratori che non solo soli, con loro c’è il sindacato ma c’è anche la legge”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...