Caporalato a Vicenza, Mininni: “Molti non trovano il coraggio. Dobbiamo sostenere chi si ribella e denuncia”

“Questi lavoratori hanno trovato il coraggio di denunciare. Chissà quanti altri sono nelle stesse condizioni ma hanno paura di raccontare le loro storie”, sottolinea Giovanni Mininni, segretario generale della Flai Cgil. Le indagini delle Fiamme Gialle della compagnia di Schio, partite proprio da un esposto da parte di alcuni dipendenti, tutti di nazionalità moldava, formalmente inquadrati all’interno di una Cooperativa e di una S.r.l.s. con sedi in Lombardia ma, di fatto, impiegati in una S.p.A. con sede a Posina, Vicenza, operante nel settore delle acque minerali, hanno fatto scoprire una situazione drammatica. Il ‘caporale’ reclutava i suoi connazionali direttamente in Moldavia, per consentire l’ingresso in Italia procurava falsi documenti di identità rumeni che faceva pagare a caro prezzo. Ricattati, sfruttati, minacciati, hanno pure subito molestie sessuali. “A quanto si apprende lavoravano 15 ore al giorno senza interruzioni, venivano pagati in nero e adibiti alle varie mansioni senza tener conto delle competenze sotto la minaccia del licenziamento – osserva Mininni – Una situazione inaccettabile, soprattutto nel nostro settore, che la Flai denuncia da anni, che combatte con l’aiuto della legge 199 e anche con il sindacato di strada. Bisogna stare a fianco di chi trova il coraggio di ribellarsi”. Sette le persone indagate a vario titolo per diversi reati, tre le misure cautelari interdittive emesse dal Tribunale di Vicenza, mentre la stessa società è stata segnalata all’autorità giudiziaria per sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell’ingresso illegale nel territorio italiano. “Vicende del genere – conclude il segretario generale della Flai – fanno capire quanto sia ancora lunga la strada per far rispettare leggi e contratti che garantirebbero di lavorare con tutele e diritti”.

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...