HomeComunicatiBracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come...

Bracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come quelle di Paola Clemente”

La tragedia di Paola Clemente, morta di fatica sei anni fa, torna in un’aula di giustizia. E al processo per omicidio colposo a carico di Luigi Terrone, titolare dell’azienda ortofrutta di Corato (Bari) per la quale lavorava la bracciante di San Giorgio Jonico, per la prima volta è stato ammesso come parte civile il Comitato “12 giugno” Vittime del lavoro, del dovere e del volontariato di Taranto, che va ad aggiungersi ai familiari di Paola Clemente (sorella e fratello) e alla Regione Puglia. A carico di Terrone è ipotizzato il reato di omicidio colposo. “Ancora oggi, dopo sei anni, sembra incredibile che una lavoratrice, una bracciante, sia potuta letteralmente morire di fatica nei campi”, affermano Tina Balì e Davide Fiatti, segreteria nazionale Flai Cgil. L’udienza, dinanzi al giudice monocratico Sara Pedone, è stata aggiornata a febbraio 2022. “Nonostante i successi sul piano investigativo e giudiziario favoriti dalla legge 199 del 2016, una norma attesa, voluta e supportata dal sindacato, in primis dalla Cgil e dalla Flai – aggiungono Balì e Fiatti – ancora migliaia di lavoratori e lavoratrici sono vittime di sfruttamento, violazione dei diritti e sottosalario. Una piaga cui si deve mettere fine una volta per tutte. Anche attraverso la formazione, la prevenzione, salute e sicurezza devono essere garantite in tutti i luoghi di lavoro. Bisogna altresì che la legge 199 del 2016 sia finalmente applicata in tutte le sue parti, attivando le articolazioni territoriali della rete lavoro agricolo e di qualità che devono essere lo strumento per prevenire illegalità e sfruttamento nel lavoro agricolo”. Sempre a Trani è in corso anche un altro processo legato alla morte di Paola Clemente, che vede imputate sei persone, accusate di intermediazione illecita, truffa e sfruttamento del lavoro a carico di referenti di un’agenzia interinale che forniva braccianti agli imprenditori agricoli, di caporalato insomma, e non per caso tra le parti civili c’è la Flai Cgil.

 

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...