HomeComunicatiBracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come...

Bracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come quelle di Paola Clemente”

La tragedia di Paola Clemente, morta di fatica sei anni fa, torna in un’aula di giustizia. E al processo per omicidio colposo a carico di Luigi Terrone, titolare dell’azienda ortofrutta di Corato (Bari) per la quale lavorava la bracciante di San Giorgio Jonico, per la prima volta è stato ammesso come parte civile il Comitato “12 giugno” Vittime del lavoro, del dovere e del volontariato di Taranto, che va ad aggiungersi ai familiari di Paola Clemente (sorella e fratello) e alla Regione Puglia. A carico di Terrone è ipotizzato il reato di omicidio colposo. “Ancora oggi, dopo sei anni, sembra incredibile che una lavoratrice, una bracciante, sia potuta letteralmente morire di fatica nei campi”, affermano Tina Balì e Davide Fiatti, segreteria nazionale Flai Cgil. L’udienza, dinanzi al giudice monocratico Sara Pedone, è stata aggiornata a febbraio 2022. “Nonostante i successi sul piano investigativo e giudiziario favoriti dalla legge 199 del 2016, una norma attesa, voluta e supportata dal sindacato, in primis dalla Cgil e dalla Flai – aggiungono Balì e Fiatti – ancora migliaia di lavoratori e lavoratrici sono vittime di sfruttamento, violazione dei diritti e sottosalario. Una piaga cui si deve mettere fine una volta per tutte. Anche attraverso la formazione, la prevenzione, salute e sicurezza devono essere garantite in tutti i luoghi di lavoro. Bisogna altresì che la legge 199 del 2016 sia finalmente applicata in tutte le sue parti, attivando le articolazioni territoriali della rete lavoro agricolo e di qualità che devono essere lo strumento per prevenire illegalità e sfruttamento nel lavoro agricolo”. Sempre a Trani è in corso anche un altro processo legato alla morte di Paola Clemente, che vede imputate sei persone, accusate di intermediazione illecita, truffa e sfruttamento del lavoro a carico di referenti di un’agenzia interinale che forniva braccianti agli imprenditori agricoli, di caporalato insomma, e non per caso tra le parti civili c’è la Flai Cgil.

 

Articoli correlati

Artigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato il CCNL di settore, rilanciamo la contrattazione territoriale.”

Il recente rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro artigianato area alimentazione e panificazione, scaduto da quasi tre anni, ha coperto un vuoto inaccettabile, che saltava agli occhi. Interessa una platea di tutto rispetto,...

Caporalato a Vicenza, Mininni: “Molti non trovano il coraggio. Dobbiamo sostenere chi si ribella e denuncia”

“Questi lavoratori hanno trovato il coraggio di denunciare. Chissà quanti altri sono nelle stesse condizioni ma hanno paura di raccontare le loro storie”, sottolinea Giovanni Mininni, segretario generale della Flai Cgil. Le indagini delle...

Caporalato a Niscemi, Bilongo: “Pessimo inizio anno, intollerabile ricatto su chi non ha nulla. Le leggi ci sono, devono essere applicate”

“Quando i lavoratori sono privi di tutti i diritti contrattuali e operano sotto ricatto, non è più lavoro. E’ un’altra cosa, che si accosta alla condizione di servitù. Se la cronaca del lavoro del...

Tragedia sfiorata a San Ferdinando, Mininni: “Basta proclami, lo Stato si assuma le sue responsabilità” 

Ennesimo incendio nella baraccopoli di San Ferdinando nella notte di Capodanno. Solo per un caso fortuito non ci sono state vittime né feriti.  “Un pessimo inizio d’anno per i giovani migranti che affollano il...

Ortofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore un intero territorio” 

La più importante e storica fabbrica del paese di Marradi, nell’alto Mugello, nata nel 1984 e dal 2020 di proprietà di Italcanditi, rischia di abbandonare il territorio, dopo l’improvviso annuncio della proprietà di voler...