HomeComunicatiBracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come...

Bracciante morta di fatica, processo entra nel vivo. “Mai più tragedie come quelle di Paola Clemente”

La tragedia di Paola Clemente, morta di fatica sei anni fa, torna in un’aula di giustizia. E al processo per omicidio colposo a carico di Luigi Terrone, titolare dell’azienda ortofrutta di Corato (Bari) per la quale lavorava la bracciante di San Giorgio Jonico, per la prima volta è stato ammesso come parte civile il Comitato “12 giugno” Vittime del lavoro, del dovere e del volontariato di Taranto, che va ad aggiungersi ai familiari di Paola Clemente (sorella e fratello) e alla Regione Puglia. A carico di Terrone è ipotizzato il reato di omicidio colposo. “Ancora oggi, dopo sei anni, sembra incredibile che una lavoratrice, una bracciante, sia potuta letteralmente morire di fatica nei campi”, affermano Tina Balì e Davide Fiatti, segreteria nazionale Flai Cgil. L’udienza, dinanzi al giudice monocratico Sara Pedone, è stata aggiornata a febbraio 2022. “Nonostante i successi sul piano investigativo e giudiziario favoriti dalla legge 199 del 2016, una norma attesa, voluta e supportata dal sindacato, in primis dalla Cgil e dalla Flai – aggiungono Balì e Fiatti – ancora migliaia di lavoratori e lavoratrici sono vittime di sfruttamento, violazione dei diritti e sottosalario. Una piaga cui si deve mettere fine una volta per tutte. Anche attraverso la formazione, la prevenzione, salute e sicurezza devono essere garantite in tutti i luoghi di lavoro. Bisogna altresì che la legge 199 del 2016 sia finalmente applicata in tutte le sue parti, attivando le articolazioni territoriali della rete lavoro agricolo e di qualità che devono essere lo strumento per prevenire illegalità e sfruttamento nel lavoro agricolo”. Sempre a Trani è in corso anche un altro processo legato alla morte di Paola Clemente, che vede imputate sei persone, accusate di intermediazione illecita, truffa e sfruttamento del lavoro a carico di referenti di un’agenzia interinale che forniva braccianti agli imprenditori agricoli, di caporalato insomma, e non per caso tra le parti civili c’è la Flai Cgil.

 

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...