“Abbiamo appreso da indiscrezioni, in queste ultime ore, nel serrato confronto in atto nel Governo per il DL “Aprile”, che sembrerebbe confermato il bonus per i lavoratori e le lavoratrici agricoli per il mese di aprile, così come dovrebbe esserci anche la sommatoria del periodo di CISOA con causale Covid19 a quanto già previsto dalla legge”. Lo dichiara in una nota Tina Balì, segretaria nazionale della Flai Cgil.

“È una importante risposta al lavoro che le nostre categorie hanno fatto unitariamente a tutti i livelli, da quello nazionale ai territori in quest’ultimo periodo. Importante è stato l’impegno della CGIL che è stata al nostro fianco. Sappiamo che ci sono tanti lavoratori stagionali dei settori agricolo e forestale che non sono rioccupati nelle campagne di raccolta e che senza il bonus sarebbero rimasti senza alcuna altra forma di sostegno al reddito. E questa discriminazione, come Flai Cgil non potevamo proprio sopportarla”.

“Al momento ci sentiamo soddisfatti – conclude Balì – ma siamo consapevoli che il bonus non può che essere una soluzione temporanea, e che l’obiettivo prioritario è e deve essere sempre il lavoro, stabile e di qualità”.