HomeComunicatiBeni confiscati. FLAI CGIL a Scafati, Galli: "Occasione per creare lavoro sano...

Beni confiscati. FLAI CGIL a Scafati, Galli: “Occasione per creare lavoro sano in un territorio difficile”.

Al via la piantumazione del frutteto nel ricordo di Nicola Nappo.

Una pianta di leccio, pianta antica e forte, è stata piantumata oggi all’interno del fondo agricolo “Nicola Nappo” di Scafati – bene confiscato al clan Galasso, gestito dall’Ats “Terra Viva” in collaborazione con Alpaa, Libera, Finetica e il circolo Arci Ferro 3.0 – dalla segretaria generale della Flai Cgil Nazionale, Ivana Galli, per dare l’avvio alle coltivazioni all’interno del frutteto che verrà realizzato in collaborazione con gli studenti dell’istituto Profagri di Salerno, guidato dal dirigente scolastisco Alessandro Turchi. Presenti all’iniziativa di oggi il referente regionale di Libera, Fabio Giuliani ed alcuni familiari di vittime della camorra tra cui Mario Nappo, papà di Nicola, vittima nel 2009 di uno scambio di persona a Poggiomarino e caduto sotto i colpi della criminalità organizzata e alla cui memoria è dedicato il fondo agricolo di Scafati.

“Con questo bene confiscato alla camorra – ha detto la segretaria generale della Flai Cgil, Ivana Galli – vogliamo creare occasioni di lavoro sano in un contesto difficile, dove non siamo stati certamente accolti con il sorriso, ma dove abbiamo comunque trovato persone di buona volontà disposte a collaborare. Mettere a produzione un terreno di 12 ettari rappresenta uno sforzo importante. In tutte le occasioni che possono promuovere lavoro, noi ci siamo. Non è solo un’operazione di immagine ma – ha concluso Galli – sono convinta che se riusciamo a creare occasioni di lavoro, anche pochi, otterremo un grande risultato”.

“La giornata di oggi – ha detto il segretario generale della Flai Cgil Campania, Giuseppe Carotenuto – rappresenta per tutti noi un inizio bellissimo ed una risposta a chi ci aveva deriso quando abbiamo presentato questo progetto. Noi però ci siamo riusciti, grazie alla tenacia di un gruppo di ragazzi e della cittadinanza di Scafati. È la risposta di legalità in un territorio sciolto per camorra”.

“Non c’è paese sano se non c’è libertà, non c’è libertà – ha affermato il segretario generale della Cgil Salerno, Arturo Sessa – se non c’è democrazia, non c’è democrazia se non c’è un tessuto sociale libero dai condizionamenti della criminalità organizzata. Siamo nel vivo di un territorio dove la delinquenza continua ad imperare. La politica a volte fa spallucce come nello scioglimento di Scafati”.

“Sono 800 le realtà che in Italia gestiscono i beni confiscati” ha ricordato Davide Pati della presidenza nazionale di Libera. “Sono – ha aggiunto – presidi di legalità democratica e giustizia sociale. L’esempio positivo che parte da Scafati – ha concluso – è un esempio per l’Europa nella lotte alle mafie e alla corruzione”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...