HomeComunicatiArtigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato...

Artigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato il CCNL di settore, rilanciamo la contrattazione territoriale.”

Il recente rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro artigianato area alimentazione e panificazione, scaduto da quasi tre anni, ha coperto un vuoto inaccettabile, che saltava agli occhi. Interessa una platea di tutto rispetto, circa trentamila aziende, più di centomila lavoratrici e lavoratori. Le realtà artigiane non sono sempre facili da raggiungere e coinvolgere in una contrattazione, la Flai Cgil vuole assicurare maggiori diritti e tutele anche agli addetti di questo settore. Per raggiungere l’obiettivo, dà appuntamento venerdì prossimo, 21 gennaio, alle ore 10, ai responsabili regionali del comparto nella sede nazionale di via Leopoldo Serra. Un incontro, all’indomani della Conferenza di organizzazione del sindacato dell’agroindustria, pensato proprio per coinvolgere le tantissime realtà artigiane, diffuse sul territorio da nord a sud, che operano nel campo dell’alimentazione e della panificazione. Un macrocosmo riscoperto nei difficili mesi della pandemia in tutte le sue complesse articolazioni, di fondamentale importanza. Il rinnovo del contratto sottoscritto nella sede della Confederazione nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa da Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil, Confartigianato, CNA, Casa e Claai si rivolge alle lavoratrici e ai lavoratori più deboli, i più esposti, in un settore strategico per la vita del paese. Sono stati previsti incrementi economici, un importo ‘una tantum’ a integrale copertura del periodo di vacanza contrattuale, novità normative che vanno incontro ai lavoratori dell’artigianato, e la rivisitazione del sistema di classificazione del personale. La Flai vuole essere presente nei territori per far conoscere direttamente agli interessati le novità del CCNL appena rinnovato, rilanciare la contrattazione territoriale regionale di secondo livello, in modo da ottenere ulteriori tutele e aumenti salariali, senza  dimenticare l’assistenza sanitaria integrativa, nel segno di una bilateralità figlia del contratto.

 

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...