HomeComunicatiArtigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato...

Artigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato il CCNL di settore, rilanciamo la contrattazione territoriale.”

Il recente rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro artigianato area alimentazione e panificazione, scaduto da quasi tre anni, ha coperto un vuoto inaccettabile, che saltava agli occhi. Interessa una platea di tutto rispetto, circa trentamila aziende, più di centomila lavoratrici e lavoratori. Le realtà artigiane non sono sempre facili da raggiungere e coinvolgere in una contrattazione, la Flai Cgil vuole assicurare maggiori diritti e tutele anche agli addetti di questo settore. Per raggiungere l’obiettivo, dà appuntamento venerdì prossimo, 21 gennaio, alle ore 10, ai responsabili regionali del comparto nella sede nazionale di via Leopoldo Serra. Un incontro, all’indomani della Conferenza di organizzazione del sindacato dell’agroindustria, pensato proprio per coinvolgere le tantissime realtà artigiane, diffuse sul territorio da nord a sud, che operano nel campo dell’alimentazione e della panificazione. Un macrocosmo riscoperto nei difficili mesi della pandemia in tutte le sue complesse articolazioni, di fondamentale importanza. Il rinnovo del contratto sottoscritto nella sede della Confederazione nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa da Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil, Confartigianato, CNA, Casa e Claai si rivolge alle lavoratrici e ai lavoratori più deboli, i più esposti, in un settore strategico per la vita del paese. Sono stati previsti incrementi economici, un importo ‘una tantum’ a integrale copertura del periodo di vacanza contrattuale, novità normative che vanno incontro ai lavoratori dell’artigianato, e la rivisitazione del sistema di classificazione del personale. La Flai vuole essere presente nei territori per far conoscere direttamente agli interessati le novità del CCNL appena rinnovato, rilanciare la contrattazione territoriale regionale di secondo livello, in modo da ottenere ulteriori tutele e aumenti salariali, senza  dimenticare l’assistenza sanitaria integrativa, nel segno di una bilateralità figlia del contratto.

 

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...