Artigianato alimentare e panificazione, rilanciare contrattazione di II livello 

Con l’obiettivo di promuovere e rilanciare la contrattazione di II livello si è riunito, questa mattina, il coordinamento unitario di Fai, Flai e Uila dell’Artigianato area alimentazione e panificazione, al quale hanno partecipato oltre 60 strutture territoriali fornendo un contributo di merito alla discussione. “Dopo l’importante rinnovo del contratto nazionale, siglato lo scorso 6 dicembre 2021, che ha interessato oltre 100mila lavoratrici e lavoratori, Fai, Flai e Uila sono già impegnate nell’elaborazione delle piattaforme di contratti regionali e, in alcuni casi, nelle trattative di rinnovo” dichiarano i segretari nazionali Patrizio Giorni, Andrea Gambillara e Guido Majrone. “E’ quantomai determinante che, anche nel comparto dell’artigianato, la contrattazione di II livello diventi una prassi e non l’eccezione. Ricordiamo che le lavoratrici e i lavoratori del settore hanno dato un contributo fondamentale alla tenuta del sistema Paese durante la pandemia e, pertanto, meritano i giusti riconoscimenti e le giuste tutele normative ed economiche anche nel secondo pilastro contrattuale previsto dagli accordi interconfederali”.

Articoli correlati

Flai Cgil: “Con le armi non si va da nessuna parte”

“Siamo sicuri che la Nato possa parlare di pace?”, si chiede Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali della Flai Cgil all’indomani delle dichiarazioni del segretario...

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...