HomeComunicatiAnnullata per antisindacalità la procedura di licenziamento individuale per i tre dipendenti...

Annullata per antisindacalità la procedura di licenziamento individuale per i tre dipendenti del Gruppo Italiano Vini

La Flai Cgil nazionale e territoriale rende noto che il 16 maggio 2017 è stato depositato presso la cancelleria del Tribunale del Lavoro di Velletri l’ordinanza ex art. 28 Legge 300/70 a seguito del ricorso per attività antisindacale denunciato dalla stessa Organizzazione Sindacale contro la Società Gruppo Italiani Vini Spa per il licenziamento individuale del proprio rappresentante sindacale e di altri 2 dipendenti iscritti alla Flai Cgil.
“Con tale ordinanza – spiega la nota congiunta – il giudice del lavoro del tribunale di Velletri ha accertato e dichiarato lacondotta antisindacale in quanto la parte datoriale ha iniziato una procedura di mobilità a novembre 2015 prospettando sei esuberi per poi chiudere la procedura nel gennaio 2017 con due licenziamenti e poi inviare tre lettere per licenziamento individuale nel medesimo gennaio 2017. La Società avrebbe dovuto avviare la procedura dei licenziamenti collettivi altrimenti così facendo, sentenzia il Giudice del Lavoro, si viola la legge e si esclude di fatto l’intervento del sindacato voluto dalla legge per i licenziamenti collettivi”.

“Il giudice del lavoro del Tribunale di Velletri – dichiara Moranti Gianfranco Segretario Generale Territoriale – ha accolto pienamente il ricorso della Flai Cgil Roma sud Pomezia Castelli, affermando che l’antisindacalità dei licenziamenti risulta rafforzata perché tra i lavoratori licenziati vi è quello di Rappresentante Sindacale della sessa Organizzazione Sindacale Flai Cgil. Durante gli incontri abbiamo sempre sostenuto – aggiunge Moranti -che l’alternativa ai licenziamenti fosse possibile con l’applicazione dei Contratti di Solidarietà, così come stato concordato negli altri siti dislocati nelle altre Regioni, ma l’azienda dal canto suo ha inteso proseguire i licenziamenti unilateralmente con criteri sconosciuti e comunque estromettendo il rappresentante sindacale ed i propri iscritti dallo stabilimento di Monte Porzio catone”.

“Questa sentenza – conclude la Flai Cgil – che viene a due giorni dalla ricorrenza della nascita dello Statuto dei Lavoratori, dimostra, che il provvedimento di espulsione adottato nei confronti dei 3 dipendenti iscritti è illegittimo e, pertanto, i 3 dipendenti impugneranno tale provvedimento anche con ricorsi individuali. Ora il legale della Flai Cgil, su mandato della stessa Organizzazione Territoriale,comunicherà alla società G.I.V. di procedere all’immediato reintegro dei tre lavoratori sul posto di lavoro”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...