HomeComunicatiAmbiente. Flai Cgil, no a ricatto energetico e occupazionale, tutela ambientale e...

Ambiente. Flai Cgil, no a ricatto energetico e occupazionale, tutela ambientale e marina è vera risorsa

“Continuare a sviluppare l’economia italiana senza tutelare il patrimonio ambientale come una risorsa insostituibile è un approccio che ha già dimostrato tutti i suoi limiti. Lo vediamo nelle decine di disastri ambientali che annualmente finiscono nella cronaca del nostro Paese, che insieme ai cataclismi legati ai cambiamenti climatici, ci offrono ormai costantemente degli scenari post apocalittici a cui noi non vogliamo abituarci. Per questo riteniamo sia totalmente inadeguato legare la tutela dell’ambiente, della salute di lavoratori e cittadini e delle migliaia di posti di lavoro, legati alla pesca e al turismo, a un compromesso a perdere con l’estrazione di idrocarburi nei nostri mari”. Lo dichiara la Flai Cgil nazionale in una nota.
“La pesca dell’Adriatico, che vanta oltre 7000 addetti diretti con un indotto che decuplica i numeri, da decenni ormai convive con la presenza in mare di stazioni di estrazione che hanno un fortissimo impatto sull’ambiente e sulla pesca commerciale, settore che già da anni soffre una forte crisi occupazionale. Oltre alle limitazioni ai natanti nelle aree intorno alle piattaforme si aggiunge la sterilizzazione delle acque prodotta dai meccanismi di funzionamento delle trivellazioni, che rilasciano in mare acqua di quasi 5° centigradi inferiore per di più contaminata con una bassa percentuale di cloro, causando cosi una drastica diminuzione della riproduzione marina. Questa convivenza forzata è sempre stata correlata al ricatto energetico e occupazionale che da decenni tiene in scacco il nostro Paese”.
“Dobbiamo, inoltre, accettare – conclude la nota – una sfida internazionale che ci porti ad affermare con chiarezza che il mare è un bene comune globale e che i singoli Stati non possono pensare di lucrarci senza il rispetto delle scelte ambientali dei Paesi con cui quel mare lo condividono, evitando così che le politiche ambientali del nostro Paese vengano vanificate dalle scelte dei paesi vicini”.

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...