HomeComunicatiAmbiente. Flai Cgil, no a ricatto energetico e occupazionale, tutela ambientale e...

Ambiente. Flai Cgil, no a ricatto energetico e occupazionale, tutela ambientale e marina è vera risorsa

“Continuare a sviluppare l’economia italiana senza tutelare il patrimonio ambientale come una risorsa insostituibile è un approccio che ha già dimostrato tutti i suoi limiti. Lo vediamo nelle decine di disastri ambientali che annualmente finiscono nella cronaca del nostro Paese, che insieme ai cataclismi legati ai cambiamenti climatici, ci offrono ormai costantemente degli scenari post apocalittici a cui noi non vogliamo abituarci. Per questo riteniamo sia totalmente inadeguato legare la tutela dell’ambiente, della salute di lavoratori e cittadini e delle migliaia di posti di lavoro, legati alla pesca e al turismo, a un compromesso a perdere con l’estrazione di idrocarburi nei nostri mari”. Lo dichiara la Flai Cgil nazionale in una nota.
“La pesca dell’Adriatico, che vanta oltre 7000 addetti diretti con un indotto che decuplica i numeri, da decenni ormai convive con la presenza in mare di stazioni di estrazione che hanno un fortissimo impatto sull’ambiente e sulla pesca commerciale, settore che già da anni soffre una forte crisi occupazionale. Oltre alle limitazioni ai natanti nelle aree intorno alle piattaforme si aggiunge la sterilizzazione delle acque prodotta dai meccanismi di funzionamento delle trivellazioni, che rilasciano in mare acqua di quasi 5° centigradi inferiore per di più contaminata con una bassa percentuale di cloro, causando cosi una drastica diminuzione della riproduzione marina. Questa convivenza forzata è sempre stata correlata al ricatto energetico e occupazionale che da decenni tiene in scacco il nostro Paese”.
“Dobbiamo, inoltre, accettare – conclude la nota – una sfida internazionale che ci porti ad affermare con chiarezza che il mare è un bene comune globale e che i singoli Stati non possono pensare di lucrarci senza il rispetto delle scelte ambientali dei Paesi con cui quel mare lo condividono, evitando così che le politiche ambientali del nostro Paese vengano vanificate dalle scelte dei paesi vicini”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...