Ambiente. Balì, bene in Costituzione, impegno ad agire subito su sostenibilità e Pnrr

La Camera ha approvato definitivamente il disegno di legge costituzionale che introduce la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi e l’impegno a disciplinare i modi e le forme di tutela degli animali tra i principi fondamentali della Costituzione.

“L’introduzione in Costituzione di un riferimento ai temi ambientali ed ecologici, così come descritti nel discorso del Presidente della Repubblica all’atto del suo insediamento, ci fa sperare in un cambio di passo verso tutti i temi della sostenibilità. Lo dichiara Tina Balì, Segretaria nazionale Flai Cgil.

“L’emergenza ambientale rischia di portare il nostro pianeta ad un punto di non ritorno, per scongiurarlo servono interventi concreti e azioni sistemiche. La Carta è sempre stata il nostro principale riferimento, e basare la nostra iniziativa sui diritti della persona, sul lavoro e ora anche sull’ambiente, responsabilizza le nostre azioni per uno sviluppo e un futuro sostenibili e per un modello di società diverso”

Lavoreremo, conclude Tina Balì, rivendicando una corretta attuazione del PNRR e della Strategia Europea della Biodiversità, affinché il nostro paese non consumi ulteriormente le proprie risorse umane e naturali. Lavoreremo per non dover più scegliere tra lavoro, salute, ambiente e dignità, da oggi per la nostra Costituzione questi diritti andranno di pari passo.”

 

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...