Alimentare. FLAI CGIL, firmato accordo contrattto di secondo livello Bolton

È stato firmato il 6 luglio presso la sede di Assolombarda l’accordo per il rinnovo della contrattazione di secondo livello per il quadriennio 2018 – 2021 con Bolton Alimentari s.p.a.
“Un accordo importante – spiega Marco Bermani, Segretario nazionale Flai Cgil – che dà un risultato economico per i lavoratori di 300 euro nel quadriennio, e che inserisce principi volti al benessere dei lavoratori. Viene riconosciuta, infatti, per la prima volta nel settore alimentare la genitorialità per i genitori anziani con giornate di permesso per accompagnarli in Day Hospital, ricoveri, dimissioni da luoghi di cura. A questo si affiancano migliorie per le mamme in allattamento”.
“Anche la sicurezza è stata al centro del confronto, definendo che tutti i soggetti coinvolti sul tema devono incontrarsi per garantire con soluzioni reali.
In tema di welfare è stato importante il riconoscimento di un welfare sociale cui il lavoratore può accedere. Questo accordo – conclude Bermani – è la conferma che le aziende, supportate dalla loro Associazione e il Sindacato, nel rispetto dei propri ruoli, possono dare risultati positivi con accordi che permettono di soddisfare i lavoratori e aiutano la crescita dell’impresa”.
Ora il testo dell’accordo dovrà essere approvato dai lavoratori.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...