Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac


Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via definitiva, uno schema comune di sanzioni, applicabili in tutti i paesi UE, per la violazione delle norme sulla condizionalità sociale della PAC, introdotte dai regolamenti UE 2021/2115 e 2021/2116.
Ne danno notizia i responsabili delle politiche internazionali di Fai-Cisl Alberto Kulberg Taub, Flai-Cgil Andrea Coinu e Uila-Uil Fabrizio De Pascale.
“É un documento molto importante” – spiegano i sindacalisti – “perché rappresenta una base comune a tutti i sindacati dei diversi Paesi europei per negoziare i sistemi sanzionatori da applicare a livello nazionale in materia di condizionalità sociale della Pac. Sanzioni che, come prescrive l’art. 89 del Regolamento 2021/2116, devono essere “effettive, proporzionate e dissuasive” e si applicano “mediante riduzione o esclusione dell’importo totale” dei pagamenti concessi all’azienda beneficiaria”.
A titolo di esempio, nello schema adottato dall’Effat, le sanzioni previste per la violazione della Direttiva 2019/1152 (condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione europea) variano tra il 5% e il 40%, per ogni singola infrazione, in termini di riduzione del premio spettante alle aziende che beneficiano degli aiuti diretti della Pac. “Ci sembra evidente” –  spiegano ancora Fai-Flai-Uila – “che la violazione dei diritti e delle norme sulla sicurezza del lavoro sia più grave e vada sanzionata in misura maggiore rispetto ai criteri già definiti dai Regolamenti europei per la condizionalità ambientale e il benessere animale”.
“Ci auguriamo di poter affrontare al più presto questo tema con il governo che, come prescrive l’art. 14 del Regolamento 2021/2115, deve consultare le parti sociali in vista della definizione di questo sistema sanzionatorio che l’Italia si è impegnata ad attuare a partire dal prossimo 1 gennaio 2023” concludono Fai-Flai-Uila.

Articoli correlati

Flai, Metes, regioni Calabria e Sicilia insieme per salvare le feluche. “Dovrebbero diventare patrimonio dell’Unesco”

Protocollo d’intesa per valorizzare questa tipologia di pesca unica al mondo, le sue antiche origini che arrivano ai giorni nostri, il valore sociale e...

Rinnovo Ccnl Ortofrutta e agrumarie, Guaraldi: «Un risultato importante per tutelare i lavoratori e combattere la precarietà»

«L’accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale Ortofrutta e agrumarie, che abbiamo siglato nella tarda serata di ieri a Cesena, rappresenta per noi...

Rinnovato il Ccnl Ortofrutticoli e agrumari. Soddisfazione dei sindacati

È stato sottoscritto ieri sera, nella sede di Confcommercio Cesena, da Flai Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Fruitimprese, l’accordo di rinnovo del Ccnl...