Altrimenti a parole si combattono illegalità e sfruttamento e nei fatti si ritardano norme volte al reale contrasto

 “Abbiamo avuto notizia che tre deputati di Fratelli d’Italia in Commissione Affari Costituzionali e Bilancio hanno presentato un emendamento al Mille proroghe per rinviare al 1° gennaio 2021 l’entrata in vigore dell’Uniemens nel settore agricolo, la cui introduzione è prevista dalla Legge 199/2016 e è sta già oggetto di altri rinvii. Con questo emendamento abbiamo ancora l’ennesima prova di come non si voglia combattere l’illegalità e lo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura”. Lo dichiara Davide Fiatti, Segretario nazionale Flai Cgil

“Nessuno osi toccare questo importante strumento, finalmente in vigore dal gennaio 2020, che permette il controllo della regolarità delle assunzioni, uno strumento concreto per il contrasto al lavoro nero; uno strumento che se ulteriormente rinviato dimostrerebbe che a parole si vuole combattere il caporalato e con i fatti si ritardano norme volte a una maggiore regolarità e trasparenza per il settore agricolo e per i lavoratori e le lavoratrici in esso occupati”.