MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i braccianti del paese e di raffermare l’autoritarismo padronale. Due morti, 48 feriti. 

Dopo l’eccidio, lo sciopero continua compatto divenendo una poderosa lotta di protesta e di solidarietà di tutta la classe lavoratrice.

“Noi veniamo da lontano e andremo lontano e prima di arrivare nessuno ci fermerà. Se i lavoratori sono andati avanti questo è dovuto alle lotte che abbiam fatto, con morti e feriti. Durante questo cammino arrivammo alle ore 14.20 del 2 dicembre 1968: e si sparò contro i lavoratori. Coraggio compagni, la lotta è dura e lunga ancora”. 

Per la strage di Avola non c’è mai stato un processo, non sono mai stati individuati i colpevoli. 

Foto: Avola 4 dicembre 1968

a cura dell’Archivio Storico Donatella Turtura

Articoli correlati

Decreto Flussi, Bilongo Flai Cgil: “Si può e si deve fare di più. Ancora troppo lavoro sfruttato, sommerso”

“Dall'analisi del decreto flussi, pubblicato in Gazzetta Ufficiale venerdì scorso, emergono varie criticità - osserva Jean-René Bilongo, capo dipartimento politiche migratorie e inclusione Flai...

Violenza donne. Danneggiata targa panchina rossa a Trastevere

“A due mesi esatti dall’inaugurazione della panchina rossa contro la violenza sulle donne da parte di Flai Cgil, Filcams Cgil, Flc Cgil, Fp Cgil...

Scuola del popolo: intesa tra Flc e Flai

Siglato l'accordo tra Flc Cgil e Flai Cgil (con la Cgil nazionale), per avviare un percorso di collaborazione per la sperimentazione del progetto “Non è...