HomePrimo PianoPari opportunità nei luoghi di lavoro, intesa ministero, Union Food, Fai, Flai...

Pari opportunità nei luoghi di lavoro, intesa ministero, Union Food, Fai, Flai e Uila

Alla presenza e con il pieno sostegno della Ministra per le Pari Opportunità, prof.ssa Elena Bonetti, le Associazioni del settore agroalimentare Unione Italiana Food e Fai, Flai e Uila, hanno sottoscritto un ‘Protocollo di Intesa sulle Pari Opportunità nei luoghi di lavoro’. “Un’iniziativa importante e innovativa – spiega la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti – che va nella direzione tracciata dal governo Draghi e dal mio Ministero di valorizzare e liberare pienamente le competenze di ciascuna e ciascuno, promuovendo quelle azioni positive e necessarie per garantire pari opportunità e contrastare ogni forma di discriminazione di genere nel mondo del lavoro. La creazione di un ambiente basato sul rispetto e il benessere della persona è oggi una sfida grande che ci impegna tutti. Sono grata all’Unione Italiana Food per aver promosso insieme alle organizzazioni sindacali Fai, Flai e Uila, questa iniziativa che permetterà di accrescere la consapevolezza su questi temi anche nel settore dell’industria alimentare e di compiere un altro passo significativo per una piena parità di genere”. “Il Protocollo rappresenta una collaborazione innovativa per il settore alimentare- commenta Marco Lavazza, Presidente di Unione Italiana Food – e con i Sindacati condividiamo la parità di genere quale “valore” e non come elemento negoziale. Per raggiungere una effettiva parità – continua il Presidente Lavazza – occorre che le Parti siano protagoniste e motore delle iniziative di sensibilizzazione, formazione e diffusione delle pari opportunità e della condivisione dei carichi derivanti dalle attività di cura della famiglia”. “Con la firma di questo protocollo abbiamo condiviso con Unionfood la sfida di contribuire a realizzare una concreta parità di genere nel settore”, commentano i segretari generali di Fai, Flai e Uila Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza. “In un Paese dove la natalità è ai minimi storici e la popolazione invecchia sempre di più, le relazioni sindacali e la contrattazione possono e devono fare la propria parte ricercando soluzioni innovative che mettano al centro le persone, favorendo la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, promuovendo l’occupazione femminile e contrastando ogni discriminazione di genere. Oggi inizia, quindi, un percorso che, con il coinvolgimento delle istituzioni e delle parti sociali, siamo certi porterà a risultati importanti per il nostro settore e per il nostro Paese”. Il Protocollo vuole contribuire a diffondere e promuovere una cultura della parità di genere in tutte le Aziende del settore alimentare, anche attraverso l’adozione volontaria di un Codice di Condotta e uno schema di Policy di genere. Unione Italiana Food e Fai, Flai, Uila attraverso l’azione di una Commissione paritetica di confronto permanente tra le Parti, realizzeranno attività di studio e ricerca finalizzate alla promozione di azioni positive e all’individuazione di eventuali ostacoli che non consentono l’effettiva parità di opportunità uomo-donna nel lavoro.

Articoli correlati

Ancora un incendio a Borgo Mezzanone. Mininni, intervenire su accoglienza e applicare pienamente Legge 199

“Brucia ancora Borgo Mezzanone, sabato nel ghetto del foggiano dove vivono circa 1500 lavoratori migranti le fiamme sono divampate distruggendo diverse baracche. Questa volta, fortunatamente, non ci sono stati feriti o vittime, ma rimane...

Ascoltate il lavoro – Roma 8 ottobre

'Italia Europa, ascoltate il lavoro', con queste parole la CGIL scenderà in piazza a Roma il prossimo 8 ottobre. Il corteo partirà alle ore 13.30 da Piazza della Repubblica, percorrerà Via V. Emanuele, Largo...

Sindacati e imprese siglano intesa per la sostenibilità ambientale

Unione Italiana Food e le Segreterie nazionali di FAI-CISL, FLAI-CGIL e UILA-UIL hanno siglato un documento di programma finalizzato a ricercare le modalità con cui le relazioni sindacali del settore possono contribuire alla sostenibilità...

Contro lo sfruttamento e il caporalato, lottiamo anche nel nome di Yusupha

Un mese fa la morte di un giovane bracciante nella baraccopoli foggiana di Rignano. Flai e Cgil organizzano l'ultimo saluto alla salma e manifestano davanti alla Prefettura. "Lo scempio dei ghetti - ci spiega...

Mininni: assurdo slittamento processo Paola Clemente, segnale preoccupante che allontana giustizia e verità

Giustizia sempre più lontana per Paola Clemente, morta nel luglio del 2015 mentre stava lavorando alla acinellatura dell’uva a temperature altissime. La Flai Cgil costituitasi parte civile nel processo, ha dovuto constatare che i...