Flai a Bruxelles per il lavoro dignitoso, contro l’austerità

Nel cuore il pensiero di Altiero Spinelli e del suo “Manifesto per un’Europa libera e unita”, davanti agli occhi l’incubo di un’Unione europea che non ha imparato nulla dalla tragedia della pandemia. E che, come se nulla fosse accaduto, vuole portare indietro le lancette dell’orologio, tornando a quelle regole della cosiddetta austerità che tante sofferenze hanno arrecato a chi per vivere deve lavorare, e tanti profitti a un capitale sempre più finanziarizzato e, lui sì, davvero transnazionale. Sempre pronto a sfruttare senza scrupoli il lavoro, riducendone i diritti e le tutele dove sono stati conquistati in decenni di lotte, nella sempiterna strategia del “divide et impera”. Un’offensiva di fronte alla quale solo l’unione delle lavoratrici e dei lavoratori, di ogni lingua e ad ogni latitudine, può porre un argine. La Flai è a Bruxelles, partecipa alla grande, colorata, rumorosa manifestazione, unisce la sua voce a quella dei sindacati europei. Tante bandiere, striscioni, cartelloni, e naturalmente arcobaleni della pace, dappertutto, per dire basta all’austerità e alla follia delle guerre che insanguinano il pianeta.

Articoli correlati

Industria alimentare, siglato rinnovo Ccnl 2023-2027

È stato firmato all’alba il rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare 2023-2027 tra Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil e le associazioni delle imprese del settore. Lo rendono...

Ccnl industria alimentare, trattative anche notturne

Nel giorno in cui la Confederazione lancia i referendum sul lavoro, vanno avanti a oltranza le trattative per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...