Da Perugia ad Assisi per ribadire il nostro no alla guerra

Gli organizzatori della marcia, e lo stesso Aldo Capitini, dall’alto della sua nuvola in cielo, possono essere fieri di quello che hanno messo in piedi. La marcia straordinaria della pace Perugia Assisi è stata ancora una volta bella e partecipata, soprattutto da migliaia di giovani e giovanissimi che avranno in eredità il pianeta, e che sono arrivati da tutto il paese, visto che a sfilare sono state 119 scuole e 71 università. Loro hanno raccolto il testimone di chi, un quarto di scolo fa, marciava chiedendo un mondo diverso possibile e anche dei primi pionieri della marcia, figli dell’equilibrio del terrore nucleare, che ancora purtroppo continua a essere dietro l’angolo a causa della follia dei potenti della terra. Arcobaleni fra i capelli delle ragazze, al collo come ghirlande, sulle magliette e sulle bandiere, labari di 150 comuni che hanno aderito insieme a 280 associazioni, il rosso della Cgil, il buio della guerra si cancella anche così, chi è qui non si rassegna. Come osserva Flavio Lotti, coordinatore della marcia della pace “oggi l’unico vincitore è la guerra che sta dilagando e si sta prendendo ogni cosa. Prima di ucciderti fisicamente, ti cattura e ti trasforma, arruolandoti nelle sue schiere”. Alla partenza della marcia, a Ponte San Giovanni, la Flai Cgil distribuisce acqua e anche quella cioccolata che ha fatto conoscere la città di Perugia nel mondo. Mille e ancora mille Baci per la pace.

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...