HomePrimo PianoCaporalato. Galli, preoccupati per condizioni dei lavoratori. Superare ritardi Legge 199

Caporalato. Galli, preoccupati per condizioni dei lavoratori. Superare ritardi Legge 199

“Sta iniziando la stagione di raccolta nei campi e si apre sotto i peggiori segnali: domenica la drammatica uccisione di Sacko, bracciante a San Ferdinando; poche ore fa arresti a Ragusa per caporalato e sfruttamento ai danni di un gruppo di lavoratori romeni impiegati a lavorare nei campi e tenuti senza paga, in alloggi fatiscenti. Siamo preoccupati e allarmati, il fenomeno del caporalato e dello sfruttamento nei campi, soprattutto ai danni di lavoratori stranieri ma non solo, non è più tollerabile e tutti devono esserne consapevoli”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil.
“Non è più tollerabile anche in virtù dell’esistenza della Legge 199/2016, che deve essere applicata in tutte le sue parti e non si possono sopportare ancora i ritardi su collocamento, alloggi e trasporto. L’azione delle forze dell’ordine è importante e ha dato i suoi frutti ma quell’azione va affiancata da azioni di prevenzione e di contrasto all’indegno fenomeno organizzato e sistemico dello sfruttamento. Quando noi, come sindacato, chiediamo il rispetto dei contratti e dei salari e diciamo no allo sfruttamento è perché chiediamo un lavoro dignitoso che permette a chi lo svolge di non dover vivere nei ghetti e nelle tendopoli, di non dover sottostare al ricatto continuo e quindi alla violenza, di non essere invisibili alle autorità e alla cittadinanza. Lo chiediamo perché un lavoro dignitoso significa integrazione. Lo chiediamo per Sacko e per gli altri dei quali in molti si accorgono solo quando accadono fatti violenti e dai quali non si torna più indietro”.
“Allora – conclude Galli – è necessario, torno a ripetere, superare i ritardi nell’applicazione della Legge 199, che reca disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento lavorativo in agricoltura, a partire dalla istituzione delle sezioni territoriali della rete del lavoro agricolo di qualità presso l’Inps per dare prime e urgenti risposte su trasporto e collocamento. Più in generale sono necessarie politiche di accoglienza ed integrazione per quei lavoratori stranieri, che lavorano nelle campagne e rappresentano una reale risorsa, come previsto anche nel protocollo “Cura – Legalità – Uscita dal ghetto” di cui chiediamo una proroga”.

 

Articoli correlati

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...

Analisi dei Fabbisogni Formativi a cura della Fondazione Metes

La fondazione della Flai Cgil, promuove un'indagine per costruire la migliore offerta formativa coerente con le esigenze della rappresentanza sindacale del settore agroindustriale. Dal 2004 abbiamo realizzato più di 500 corsi di formazione sindacale coinvolgendo circa 10000...