InFLAI – numero 1 del 2022

L’intervista a Moni Ovadia che guarda con sgomento alla guerra in corso nel cuore dell’Europa, la prossima mobilitazione nazionale per la pace in programma a Roma il 5 novembre, le piazze per la libertà delle donne iraniane: InFlai torna dopo diversi anni di silenzio con un primo numero che ragiona sull’attualità e offre nuove chiavi di lettura per interpretarla.

Immancabili le notizie dai territori, l’Osservatorio Placido Rizzotto – che a breve presenterà un nuovo rapporto su agromafie e caporalato, le campagne della federazione che rappresenta i lavoratori e le lavoratrici dell’agroindustria della Cgil così come il suo impegno per la formazione. Costante il richiamo alle radici del sindacato alle quali InFlai dedicherà sempre una rubrica.

Si tratta di un ritorno di un notiziario che nasceva come allegato di Rassegna Sindacale, ma possiamo ben definirla una rinascita di uno strumento che, come spiega il segretario generale della Flai Cgil Giovanni Mininni nell’editoriale di apertura, ha un’ambizione: far tornare il lavoro “al centro della politica, del Paese e della società”. Un obiettivo che impone di “aprire spazi e creare strumenti per ridare la parola a chi lavora, per far sentire la nostra voce e per organizzarsi sempre di più”.

Articoli correlati

InFlai – numero 1/2 del 2024

In uscita il nuovo numero di Inflai, quello di gennaio e febbraio 2024. La rivista digitale dedicata al mondo dell’agroindustria non poteva che aprire...

InFlai – numero 10 del 2023

Il numero di dicembre 2023 della pubblicazione digitale Inflai si concentra sulla trattativa per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Quadri e...

InFlai – numero 8/9 del 2023

“Il lavoro sta male, ora basta. Lo sciopero generale di Cgil e Uil arriva in un paese dove le condizioni di lavoro stanno ulteriormente...

InFlai – numero 7 del 2023

Il nuovo numero di Inflai non poteva che essere dedicato alla grande mobilitazione che la Cgil sta portando avanti con oltre 200 associazioni e...