Fermo pesca. Fai, Flai e Uila pesca chiedono incontro urgente con Ministeri del Lavoro e Agricoltura per indennizzo

Ad oltre due mesi di distanza dalla pubblicazione del Decreto sul fermo biologico siamo ancora in attesa dell’emanazione del decreto attuativo relativo alle modalità con cui dovrà essere riconosciuta ai lavoratori del settore la misura sociale straordinaria prevista all’interno della legge di stabilità 2016.
Sono già terminati due periodi di fermo pesca relativi agli arenili compresi tra le marinerie di Trieste – Ancona e Manfredonia – Bari e ad oggi sia i lavoratori che le imprese non conoscono né i requisiti per l’accesso alla misura straordinaria né tantomeno le modalità con le quali la stessa dovrà essere erogata. Inoltre, essendo una integrazione al reddito, le imprese si trovano nella impossibilità di corrispondere le retribuzioni in maniera corretta.
Tutto ciò sta creando un clima di forte tensione tra imprese e lavoratori ed è inaccettabile il silenzio dei dicasteri competenti, nonostante le diverse richieste di incontro da noi formulate nei mesi scorsi per avere indicazioni ed evitare quanto si sta verificando nelle marinerie italiane.
Ribadiamo la necessità di un incontro urgente con il Ministero del Lavoro e con il Ministero dell’Agricoltura al fine di avviare rapidamente l’iter di definizione del decreto attuativo.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...