Chiusura Queen’s Srl (ex Principe) di Trieste, Fai Cisl e Flai Cgil: “Decisione inaccettabile”

“Il prodotto piace ma la fabbrica chiude”. Le segreterie nazionali di Fai Cisl e Flai Cgil sono sconcertate dalla decisione del Fondo Wrm di dismettere il prosciuttificio di Trieste.

“Una scelta improvvisa e inaccettabile, che lascia senza futuro lavorativo i 49 dipendenti dello stabilimento – dichiarano i sindacati che proseguono – la direzione aziendale non ha saputo fornire valide motivazioni, limitandosi a dichiarare testualmente che il progetto di rivalutazione e sviluppo del sito di San Dorligo della Valle non è più realizzabile”.

 

L’assenza di piani industriali mette a rischio posti di lavoro, e marchi storici e produzioni anche di eccellenza. “Il rischio è quello di perdere competenze e professionalità di lavoratrici e lavoratori esperti che con il loro saper fare hanno contribuito all’arricchimento e al benessere del territorio. Sorprende che la qualità della produzione e la certificazione verso il mercato Usa non risultino di interesse per il gruppo Rigamonti (oggi proprietario dei marchi Principe e King’ e già impegnato con un accordo commerciale nel progetto di sviluppo) o per altri gruppi del settore. I fondi di investimento non possono sacrificare sull’altare del profitto l’industria italiana. Non si parla di prodotti rifiutati dal mercato, ma di logiche che non hanno niente a che fare con  le dinamiche imprenditoriali, e che impoveriscono il settore” concludono le segreterie nazionali di Fai e Flai.

Articoli correlati

Alessandra Stefani nuovo presidente del Cluster Nazionale Italia Foresta Legno

Una nomina fortemente voluta ed apprezzata da tutti i soci vista l'esperienza e la capacità di dialogo che Alessandra Stefani ha saputo dimostrare nel...

Lavoro e rischio calore, diritti e cassa integrazione

L’esposizione al calore può comportare malori anche gravi e aumento del rischio infortunistico. Nel periodo estivo dove si registrano temperature eccezionalmente elevate i rischi...

Cgil e Osservatorio Placido Rizzotto alla Cia Savona: «Negare il caporalato è grave, serve una battaglia comune»

«L’intervento della Cia di Savona riportato oggi dai media locali, secondo cui ad Albenga il caporalato non esisterebbe, non ci sorprende, ma ci preoccupa...