HomeComunicatiChiusura Queen’s Srl (ex Principe) di Trieste, Fai Cisl e Flai Cgil:...

Chiusura Queen’s Srl (ex Principe) di Trieste, Fai Cisl e Flai Cgil: “Decisione inaccettabile”

“Il prodotto piace ma la fabbrica chiude”. Le segreterie nazionali di Fai Cisl e Flai Cgil sono sconcertate dalla decisione del Fondo Wrm di dismettere il prosciuttificio di Trieste.

“Una scelta improvvisa e inaccettabile, che lascia senza futuro lavorativo i 49 dipendenti dello stabilimento – dichiarano i sindacati che proseguono – la direzione aziendale non ha saputo fornire valide motivazioni, limitandosi a dichiarare testualmente che il progetto di rivalutazione e sviluppo del sito di San Dorligo della Valle non è più realizzabile”.

 

L’assenza di piani industriali mette a rischio posti di lavoro, e marchi storici e produzioni anche di eccellenza. “Il rischio è quello di perdere competenze e professionalità di lavoratrici e lavoratori esperti che con il loro saper fare hanno contribuito all’arricchimento e al benessere del territorio. Sorprende che la qualità della produzione e la certificazione verso il mercato Usa non risultino di interesse per il gruppo Rigamonti (oggi proprietario dei marchi Principe e King’ e già impegnato con un accordo commerciale nel progetto di sviluppo) o per altri gruppi del settore. I fondi di investimento non possono sacrificare sull’altare del profitto l’industria italiana. Non si parla di prodotti rifiutati dal mercato, ma di logiche che non hanno niente a che fare con  le dinamiche imprenditoriali, e che impoveriscono il settore” concludono le segreterie nazionali di Fai e Flai.

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...