Pernigotti. Fai, Flai e Uila scrivono al Mise

Il 30 settembre è vicino, convocare incontrourgente al Mise

È urgente una convocazione del Mise per completare il percorso di rilancio delle attività produttive nello stabilimento di Novi Ligure della Pernigotti,concludendo definitivamente l’entrata in porto di Spes ed Emendatori.

È quanto chiedono con una lettera inviata oggi al neo ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli i sindacati Fai Flai e Uila nazionali impegnati nella vertenza che si protrae da quasi 1 anno.

“Il 30 settembre, data ultima per finalizzare il subentro delle nuove società, è vicinissimo e dobbiamo fare in modo che il dialogo tra Pernigotti e le nuove aziende risolva le questioni aperte e fornisca certezze ai nuovi investitori e ai lavoratori coinvolti proseguono Fai, Flai E Uila. Per dare seguito infatti agli accordi contenuti nei contratti preliminari tra Pernigotti e le due societàinteressate Spes per la cioccolata e Emendatori per il gelatoe tutelare realmente i lavoratori, è necessario avviare il processo di reindustrializzazione dello stabilimento e, soprattutto, procedere alla firma congiunta per la definizione di un unico soggetto industriale con cui dovranno confrontarsi i lavoratori per avere garanzie occupazionali”.

“Ci aspettiamo pertanto che il tavolo presso il Ministero venga riconvocato al più presto” concludono i sindacati.

 

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...