Lavoro. Fiatti, infortunio mortale per lavoratore forestale

Necessario mettere al centro del lavoro la salute e sicurezza

“La Flai nazionale si unisce al cordoglio della Flai di Messina e della Sicilia per la morte del lavoratore forestale Paolo Todaro mentre svolgeva il fondamentale lavoro di servizio antincendio”. Lo dichiara Davide Fiatti, Segretario nazionale Flai Cgil.

“Questa tragedia evidenzia la necessità di mettere al centro del lavoro la salute e sicurezza dei lavoratori, attraverso una seria e adeguata prevenzione e formazione. Nel 2020 non si può non ritornare dalla propria famiglia perché si muore lavorando. Paolo Todaro, come i suoi colleghi operai forestali in tutta Italia, svolgeva un’attività fondamentale per la sicurezza di tutti noi e del nostro fragile territorio, un lavoro faticoso e pericoloso ma troppo spesso non considerato e valorizzato”.

“Non è possibile – conclude Fiatti – ricordarsi dei lavoratori forestali solo nelle tragedie, ma è necessario che siano riconosciuti i loro diritti, così come definiti dai contratti collettivi di lavoro regionali e dal contratto nazionale di lavoro scaduto da ormai 8 anni”.

 

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...