Giornata per la salute e sicurezza sul lavoro. Balì: “Inaccettabile numero di infortuni, investire di più sulla cultura della sicurezza”

Giovedì 28 aprile è la Giornata Mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro. “La sicurezza sul lavoro non è un costo ma un investimento. Bisogna agire di più sulla prevenzione, sulla capacità di costruire reti e sulla formazione continua”, dice subito Tina Balì, segreteria nazionale Flai Cgil commentando i dati forniti dall’Inail sul primo mese del 2022. Le denunce di infortunio sono infatti state 57.583 (+47,0% rispetto al gennaio 2021), 46 delle quali con esito mortale (+12,2%). E sono in aumento anche le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 3.296, 219 casi in più rispetto allo stesso mese del 2021, (+7,1%). “Se l’andamento fosse confermato – sottolinea Balì – ci troveremmo davanti a una situazione di estrema gravità. Numeri inaccettabili, e i numeri reali sono ancora più alti, a causa delle mancate segnalazioni in maniera particolare nei settori fragili e del diffuso. Evidentemente non bastano le politiche di prevenzione fin qui adottate, occorre un drastico cambio di passo. Dobbiamo investire sulla sicurezza, a partire dalle risorse messe a disposizione dal Pnrr, assumere altri ispettori del lavoro che con i loro continui controlli aiutano a portare alla luce situazioni di sfruttamento, lavoro nero, violazione di diritti. Investire sulla sicurezza significa anche maggiore produttività per le aziende. Viceversa, gli infortuni e le malattie sul lavoro sono un costo per tutta la società. Istituita nel 2003 dall’Organizzazione internazionale del lavoro, la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, mira proprio a focalizzare l’attenzione e a rilanciare l’importanza della prevenzione e la necessità di un impegno collettivo per la creazione e la promozione della cultura della sicurezza e della salute sul lavoro”.

Articoli correlati

Flai Cgil: “Con le armi non si va da nessuna parte”

“Siamo sicuri che la Nato possa parlare di pace?”, si chiede Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali della Flai Cgil all’indomani delle dichiarazioni del segretario...

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...