CCNL Industria Alimentare e nuovo modello contrattuale – Crogi risponde a Federalimentare

“La dichiarazione di Colavita per quanto riguarda il nuovo modello contrattuale elaborato da Cgil, Cisl e Uil ci dà il polso della situazione del reale motivo per cui il tavolo per il rinnovo del Ccnl alimentare si è fermato”. Lo afferma il Segretario Generale della Flai Cgil Nazionale, Stefania Crogi.
“Chiedere un intervento governativo su argomenti che da sempre sono di natura pattizia tra i corpi intermedi di rappresentanza significa sposare la posizione espressa da Renzi di voler superare un ruolo che da sempre è esercitato dalle organizzazioni sindacali”.
“Nella nuova proposta di nuovo modello contrattuale – prosegue Crogi – si ritrovano ampiamente i temi della Piattaforma che Fai, Flai e Uila stanno discutendo e che vorrebbero concludere positivamente. Chiediamo a Federalimentare: un’equa soluzione salariale sui minimi tabellari dei lavoratori, una reale esigibilità e ampliamento della contrattazione di secondo livello, diritti a cominciare dalla sicurezza che debbono valere per tutti i lavoratori di un sito produttivo, tutele in termini di diritti ed occupazione negli appalti”.
“Il Vicepresidente di Federalimentare – conclude Crogi – farebbe bene a riflettere sulle modalità con le quali riprendere un negoziato che le parti datoriali hanno compromesso, invece di delegare ad altri – ai quali non compete – ed esercitare un ruolo che per natura gli è proprio”.

Articoli correlati

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...

Caporalato nelle vigne delle Langhe, Flai Cgil: “Da nord a sud, vitivinicolo sempre più spesso protagonista di cronache di sfruttamento. Situazione intollerabile, intervenire subito”

Guaraldi: “Inaccettabile che prodotti fiore all’occhiello delle produzioni agroalimentari del nostro paese siano macchiati del sangue dei lavoratori e delle lavoratrici” “Il caporalato e lo...