Ccnl Consorzi bonifica. Fai, Flai, Filbi, bene apertura trattativa

Si è aperta questa mattina a Roma la trattativa per il rinnovo del CCNL per i lavoratori e le lavoratrici dei Consorzi di bonifica 2023-2026, in anticipo rispetto alla scadenza del contratto, anche in considerazione della particolare fase che stiamo attraversando, tra emergenza post pandemica, conflitto ucraino e crisi economica. 

Fai-Cisl, Flai-Cgil e Filbi-Uil hanno esposto alla controparte i punti centrali contenuti in piattaforma. 

“La piattaforma – hanno spiegato Fai, Flai e Filbi – si focalizza sull’ampliamento di diritti e tutele delle lavoratrici e dei lavoratori e per gli strumenti di consolidamento del settore, oggi ancora più strategico per il Paese davanti alle sfide della transizione ecologica e della messa in sicurezza del territorio. Una piattaforma costruita con l’ambizione di valorizzare i Consorzi di bonifica, che oltre ai servizi garantiti all’agricoltura devono sempre più svolgere una funzione fondamentale per la difesa dell’ambiente e la valorizzazione del territorio, essenziale alla luce dei recenti eventi alluvionali, dalle Marche a Ischia per citare gli ultimi, e dei fenomeni di siccità che hanno colpito l’intero Paese nei mesi scorsi”. 

“Al centro il tema dell’organizzazione del lavoro, a partire dalla necessaria rivisitazione dell’impianto classificatorio, così come il rafforzamento delle relazioni sindacali, sia a livello nazionale che nei singoli consorzi; la sicurezza, il tema degli appalti; il lavoro degli addetti a tempo determinato; la conciliazione dei tempi vita-lavoro. 

Sul salario è stata avanzata una richiesta di aumento del 6,5% sul biennio 2023-2024, mantenendo la durata quadriennale del contratto. L’obiettivo è essere all’altezza del contesto inflazionistico, tenendo conto della estrema volatilità dell’attuale congiuntura economica. Oltre alla richiesta salariale, si ravvede la necessità di superare il pesante scarto che negli ultimi 20 anni ha acuito la distanza tra i lavoratori più anziani e quelli più giovani, riconoscendo a questi ultimi la giusta valorizzazione; così come il riconoscimento del ruolo, della professionalità e del lavoro degli avventizi, categoria fondamentale per le attività degli enti”. 

“Esprimiamo soddisfazione per l’apertura di questa trattativa e per il clima nel quale si è tenuta. In questa fase così delicata e critica per il Paese – concludono Fai, Flai, Filbi – si ribadisce l’importanza della contrattazione e del ruolo delle parti sociali”. 

La delegazione trattante tornerà a riunirsi il 23 gennaio e il 1° febbraio. 

Articoli correlati

Flai Cgil: “Con le armi non si va da nessuna parte”

“Siamo sicuri che la Nato possa parlare di pace?”, si chiede Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali della Flai Cgil all’indomani delle dichiarazioni del segretario...

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...