Ccnl Consorzi Agrari, soddisfazione di Fai-Flai-Uila per un rinnovo innovativo che tutela il potere di acquisto delle retribuzioni

Rinnovato nella notte del 12 dicembre 2023 tra Fai-Flai-Uila e ASSOCAP il contratto nazionale per i dipendenti dei Consorzi Agrari, valido per il quadriennio 2024-2027.

“Siamo soddisfatti di questo rinnovo – dichiarano le Segretarie nazionali Fai-Flai-Uila Raffaella Buonaguro, Silvia Spera e Enrica Mammucari – che arriva prima della scadenza naturale del contratto e che testimonia le buone relazioni sindacali nel settore, dando risposte importanti e altamente innovative per le lavoratrici e i lavoratori. L’intesa raggiunta salvaguarda pienamente il potere di acquisto delle retribuzioni dei lavoratori in un momento in cui l’inflazione erode i salari, riafferma il ruolo ed il valore della contrattazione collettiva e rafforza i diritti e le tutele dei dipendenti di questo settore strategico per l’agricoltura italiana”.

Sul versante economico, è stato concordato l’aumento di 190 euro a regime al 3 livello, che sarà erogato in quattro tranche: 50 euro a decorrere dal primo gennaio 2024, 50 euro da gennaio 2025, la terza di 45 euro da gennaio 2026 e l’ultima di 45 euro dal primo gennaio 2027. Definito, inoltre, l’incremento del 10% dell’indennità di cassa e di ciascuna delle tre fasce relative all’indennità di funzione.

A livello normativo, viene rafforzato il sistema contrattuale estendendo l’applicazione del CCNL sia ai Consorzi Agrari sia ai lavoratori dipendenti delle società di capitali partecipate dei Consorzi Agrari.

Potenziato anche il welfare con quattro ore di permesso retribuito per l’assistenza dei genitori anziani e/o familiari con gravi patologie e quattro ore di permesso retribuito per la malattia di un figlio fino a tre anni di età. In merito alla riduzione dell’orario di lavoro, sono state previste otto ore di permesso per partecipare a corsi di formazione su materie inerenti alle mansioni svolte.

Riconosciuto il diritto per ciascun lavoratore alla formazione e concordato l’impegno ad avviare l’integrazione scuola-lavoro per la creazione di specifici percorsi formativi utili all’acquisizione di competenze per i lavoratori.

Per una maggiore sensibilizzazione in tema di salute e sicurezza, in tutto il sistema consortile verrà organizzata la “giornata per la sicurezza del lavoro” mentre i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) potranno ricevere informazioni in merito all’esito di eventuali ispezioni intervenute nei Consorzi e, rispetto all’aggiornamento del documento di valutazione dei rischi, potranno offrire la loro collaborazione con riferimento all’introduzione di nuove tecnologie produttive. Inoltre, sarà garantita a tutti i lavoratori con funzioni di preposto alla sicurezza nei luoghi di lavoro la stipula di una polizza assicurativa per la responsabilità civile.

Allargate ulteriormente le casistiche di anticipo del TFR anche in caso di calamità per la prima casa e per estinzione o riduzione del mutuo per la prima casa.

Definiti, infine, un accordo quadro per il contrasto alle molestie e alla violenza nei luoghi di lavoro nel settore, nonché un accordo per il lavoro agile.

Articoli correlati

Il 9 marzo in piazza per Gaza. Coinu: “Siamo di fronte ad una sadica follia”

Dopo la manifestazione nazionale del 24 febbraio contro tutte le guerre, che ha visto mobilitarsi decine di migliaia di cittadine e cittadini in oltre...

Rinnovato il Protocollo aggiuntivo per il personale operaio assunto dal CUFAA: “Soddisfazione per recepimento CCNL Forestali, primo passo per valorizzazione comparto”

Si sono incontrati oggi a Roma, presso il Comando Unità Forestali Ambientali ed Agroalimentari Carabinieri, alla presenza del Generale C.A. Andrea Rispoli, Comandante del...

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...